Notizie scientifiche sui dolcificanti con poche/senza calorie (Parte B): rassegna degli eventi scientifici del 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Sintesi:

  • Dati da studi recentemente pubblicati, condotti in Argentina, Cile e Perù, mostrano che i livelli di assunzione dei comuni dolcificanti con poche/senza calorie sono al di sotto delle rispettive Dosi Giornaliere Accettabili (DGA).
  • Gli esperti scientifici suggeriscono che l’evidenza collettiva supporta l’affermazione che quando sono usati al posto dello zucchero, i dolcificanti con poche/senza calorie possono aiutare nella gestione del peso.
  • Nuove meta-analisi presentate in un congresso scientifico quest’anno hanno riscontrato che la sostituzione di bevande zuccherate con bevande contenenti dolcificanti con poche/senza calorie mostra benefici nei fattori di rischio cardiometabolico.

 

Nel 2021, si è formata una nuova realtà per quanto riguarda il formato degli eventi scientifici. Sono diventati popolari gli eventi ibridi in cui si può partecipare sia di persona che online, mentre i webinar scientifici hanno continuato a destare interesse e a registrare un’alta partecipazione. L’ISA ha partecipato, organizzato e sostenuto eventi scientifici organizzati esternamente, in collaborazione con organizzazioni scientifiche di tutto il mondo.

Webinar ISA-FDC: “I dolcificanti con poche/senza calorie nell’attuale dibattito della sanità pubblica: Dalla sicurezza all’efficacia”

In un webinar organizzato dall’Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) e dalla Federazione Colombiana di Diabetologia (FDC), i relatori accademici invitati hanno parlato dei livelli di assunzione, della sicurezza e degli effetti sulla salute dei dolcificanti con poche/senza calorie. In questo webinar sono stati presentati per la prima volta degli interessanti risultati di uno studio recentemente pubblicato da Barraj et al (2021) sulla valutazione dell’assunzione di dolcificanti con poche/senza calorie in tre paesi dell’America Latina. I risultati dello studio hanno mostrato che le assunzioni stimate dei sei dolcificanti con poche/senza calorie più comunemente usati erano al di sotto delle rispettive Dosi Giornaliere Accettabili (DGA) in Argentina, Cile e Perù, anche quando sono state applicate le ipotesi più conservative.1

Potete guardare su richiesta il webinar su “I dolcificanti con poche/senza calorie nell’attuale dibattito sulla salute pubblica: Dalla sicurezza all’efficacia” (in spagnolo), cliccando qui: https://www.sweeteners.org/it/online-education/isa-fdc-webinar-low-no-calorie-sweeteners-in-the-current-public-health-debate-from-safety-to-efficacy-spanish-5/

Workshop SFN: “I dolcificanti con poche/senza calorie e la riduzione dello zucchero”

In un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Cahiers de Nutrition et de Diététique2, gli autori hanno riassunto i risultati di una serie di tre webinar scientifici organizzati dalla Società Francese di Nutrizione (Société Française de Nutrition – SFN) nel febbraio 2021, con il sostegno dell’ISA. Gli autori hanno spiegato che alcune persone potrebbero rilevare un modesto ma significativo beneficio nella gestione del peso con l’uso di dolcificanti con poche/senza calorie al posto degli zuccheri, ma questo dipende in gran parte dalle loro abitudini alimentari generali e soprattutto dal livello di sostituzione dello zucchero. Ad esempio, l’uso di dolcificanti con poche/senza calorie può essere utile per ridurre l’assunzione di zuccheri in eccesso, soprattutto nei grandi consumatori di zucchero. Nella pratica clinica si raccomanda un approccio caso per caso.

Potete guardare on demand i tre webinar su “Dolcificanti con poche/senza calorie e riduzione dello zucchero” sul sito della SFN (in francese), qui: https://sf-nutrition.fr/2020/12/15/workshop-isa-sfn-edulcorants-et-reduction-de-sucre-02-16-23-fevrier-2021/

Rapporto del simposio dalla conferenza FENS

In un altro articolo scientifico pubblicato all’inizio dell’anno nel Journal of Nutritional Science, Gallagher e colleghi hanno discusso i risultati chiave di un simposio scientifico sostenuto dall’ISA e organizzato nell’ambito della 13ª Conferenza Europea sulla Nutrizione (Federation of Nutritional Societies – FENS).3 Gli autori hanno discusso l’uso dei dolcificanti con poche/senza calorie nel contesto delle politiche di riduzione dello zucchero. Come indicato dalle autorità sanitarie pubbliche, come Public Health England, al fine di raggiungere la riduzione di zucchero raccomandata, è necessaria l’attuazione di una serie di strategie di salute pubblica, tra cui la riduzione delle dimensioni delle porzioni, la promozione di scelte dietetiche più sane e la riformulazione di alimenti e bevande. I dolcificanti con poche/senza calorie possono aiutare nella riformulazione del prodotto dal momento che consentono di sostituire lo zucchero e ridurre le calorie negli alimenti, mantenendo al tempo stesso il sapore dolce.

I dolcificanti con poche/senza calorie e la salute cardiometabolica: un argomento di ricerca emergente

L’evidenza da revisioni sistematiche e meta-analisi sui dolcificanti con poche/senza calorie e sulla salute cardiometabolica è stata presentata al 7º Congresso Annuale Internazionale di Nutrizione di Dubai (DINC) 2021, tenutosi dal 4 al 6 novembre 2021. Una metanalisi di rete di 14 studi randomizzati controllati (RCT) ha riscontrato che con la sostituzione prevista di bibite zuccherate con bibite contenenti dolcificanti con poche/senza calorie, quando si ottiene una riduzione calorica, c’è stato un beneficio statisticamente significativo nel peso corporeo e nella diminuzione del grasso corporeo, nonché nei benefici cardiometabolici, come una riduzione del grasso epatico.4

Un’altra metanalisi di 12 studi prospettici di coorte ha mostrato che la sostituzione di bevande zuccherate con bevande con dolcificanti con poche/senza calorie è associata a riduzioni del peso corporeo, della circonferenza della vita, dell’incidenza di malattie coronariche, della mortalità per malattie cardiovascolari e della mortalità per tutte le cause.5 Tuttavia, gli autori notano che una meta-analisi di dati osservazionali fornisce una qualità inferiore di evidenza a causa delle limitazioni del disegno dello studio osservazionale.

Gli autori di questi studi aggiungono che c’è bisogno di più studi ben controllati su questo argomento emergente, ma hanno anche notato che ci sono diversi studi in corso che esaminano il ruolo dei dolcificanti con poche/senza calorie sulla salute cardiometabolica che presto forniranno nuova evidenza.

Per ulteriori notizie scientifiche sui dolcificanti con poche/senza calorie, vi invitiamo a leggere anche l’articolo “Notizie scientifiche sui dolcificanti con poche/senza calorie (Parte A): rassegna del 2021” che presenta un riassunto dei risultati chiave degli studi scientifici interessanti che sono stati pubblicati nel 2021.

Speriamo che abbiate gradito la lettura della nostra revisione degli eventi scientifici del 2021. Dal canto nostro, ci impegniamo a continuare a portarvi le ultime e fondamentali notizie scientifiche sui dolcificanti con poche/senza calorie anche per il prossimo anno, e cogliamo l’occasione di augurarvi un 2022 felice e in salute!

  1. Barraj L, Bi X, Tran N. Screening level intake estimates of low and no-calorie sweeteners in Argentina, Chile and Peru. Food Additives & Contaminants: Part A. 2021;38(12):1995-2011. doi: 10.1080/19440049.2021.1956692. Epub 2021 Aug 30.
  2. Morio B. and Guy-Grand B. Édulcorants et réduction du sucre. Synthèse du workshop de laSFN en partenariat avec l’International Sweeteners Association (ISA) donné en trois webséries du 02/02 au 23/02/2021. Cahiers de Nutrition et de Diététique 2021. https://doi.org/10.1016/j.cnd.2021.04.001
  3. Gallagher AM , Ashwell M, Halford JCG, Hardman CA, Maloney NG and Raben A. Low-calorie sweeteners in the human diet: scientific evidence, recommendations, challenges and future needs. A symposium report from the FENS 2019 conference. Journal of Nutritional Science 2021; 10:E7. doi:10.1017/jns.2020.59
  4. McGlynn et al (submitted article). Network Meta-analyses of Artificially Sweetened Beverages and Cardiometabolic Risk. ClinicalTrials.gov Identifier: NCT02879500
  5. Lee et al (article under review). Meta-analysis of Low-calorie Sweetened Beverages and Cardiometabolic Outcomes. ClinicalTrials.gov Identifier: NCT04245826