Sicurezza e normative

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

I dolcificanti con poche/senza calorie sono tra gli ingredienti più attentamente studiati in tutto il mondo. Le autorità europee e internazionali che hanno approvato la sicurezza di questi ingredienti sono l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e comitato unificato FAO/OMS sugli additivi alimentari (JECFA).

Nell’Unione europea (UE), sono approvati per l’uso in alimenti e bevande i seguenti 11 dolcificanti con poche/senza calorie.

La normativa dei dolcificanti con poche/senza calorie

I dolcificanti sono stati regolati a livello europeo nel 1990 con l’entrata in vigore della direttiva 94/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sugli edulcoranti nei prodotti alimentari, anche conosciuta come “direttiva edulcoranti”. Più recentemente, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato un regolamento quadro, regolamento 1333/2008, che consolida tutte le attuali autorizzazioni per tutti gli additivi alimentari, compresi i dolcificanti, in un unico testo giuridico. L’Allegato II di tale normativa, stabilita dal regolamento della Commissione n. 1129/2011, fornisce un elenco comunitario di dolcificanti approvati per l’uso in alimenti, bevande ed edulcoranti da tavola e le loro condizioni di utilizzo.

Come qualsiasi altro ingrediente alimentare, la presenza di un dolcificante con poche/senza calorie in un alimento o bevanda è indicata sull’etichetta del cibo (‘con dolcificante’) e anche nell’elenco degli ingredienti (nome / numero ‘E’). Il riferimento ‘E’ per ogni additivo si riferisce all’Europa e indica che l’additivo alimentare è sicuro e approvato in alimenti e bevande in Europa.

Come si approvano i dolcificanti con poche/senza calorie nell’UE?

L’autorizzazione e le condizioni d’uso di un dolcificante con poche/senza calorie, come qualsiasi altro additivo alimentare, è armonizzato a livello dell’UE. L’autorità europea per la sicurezza alimentare è responsabile per la fornitura di consulenza scientifica a sostegno di politiche e legislazione dell’Unione europea in tutti i campi che hanno un impatto diretto o indiretto su alimenti e sicurezza alimentare. I richiedenti (produttori di ingredienti) possono richiedere l’approvazione di un dolcificante con poche/senza calorie solo dopo che i test di sicurezza sono state completati, unitamente a prove scientifiche a sostegno della sicurezza e il beneficio per il consumatore dell’ingrediente. La domanda si compone di dati completi ottenuti dagli studi di sicurezza e include anche dettagli sull’utilizzo dell’ingrediente in alimenti e bevande. In seguito alla pubblicazione di un parere scientifico positivo dell’EFSA, la Commissione europea redige una proposta per l’autorizzazione d’uso del dolcificante in cibi e bevande sul mercato europeo, che viene quindi discussa con esperti degli Stati membri dell’UE prima di essere adottata.

La sicurezza dei dolcificanti con poche/senza calorie

Un vasto numero di studi scientifici hanno esaminato e confermato che i dolcificanti con poche/senza calorie sono sicuri. Questi dati sono stati valutati dalle autorità riconosciute a livello globale, tra cui il comitato congiunto FAO /OMS per gli additivi alimentari (JECFA) e l’autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). Tutti gli edulcoranti ipocalorici utilizzati in alimenti e bevande in Europa oggi sono stati sottoposti a rigoroso test di EFSA.

Nel processo di approvazione, un’assunzione giornaliera accettabile (DGA) è data dall’EFSA per ogni dolcificante con poche/senza calorie. La DGA è una indicazione di quantità che rappresenta la quantità di dolcificante con poche/senza calorie che può essere consumata in modo sicuro su una base quotidiana durante la vita di una persona problemi di salute.

Su richiesta della Commissione europea, l’autorità europea per la sicurezza alimentare sta attualmente svolgendo un’ambiziosa nuova valutazione della sicurezza di tutti gli additivi alimentari , che sono stati approvati sul mercato dell’UE prima del 20 gennaio 2009. L’aspartame è stato il primo dolcificante a passare attraverso il processo di rivalutazione. Nel 2013, dopo una della più complete valutazioni scientifica del rischio intraprese su additivo alimentare, l’EFSA ha pubblicato i risultati di questa valutazione e ri-confermato che l’aspartame è sicuro per i consumatori. Attualmente l’EFSA sta lavorando alla rivalutazione dei dolcificanti rimanenti.

Per ulteriori informazioni sul regolamento e sulla sicurezza di dolcificanti con poche/senza calorie è possibile scaricare l’ Opuscolo ISA “Edulcoranti ipocalorici: Ruolo e benefici” (disponibile in inglese) e l’infografica dell’ISA “Dolcificanti con poche/senza calorie: Sicurezza e Normative.