Le linee guida di ADA del 2017 sostengono il ruolo benefico degli edulcoranti ipocalorici nella gestione del diabete

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Negli ultimi 25 anni, gli Standards of Medical Care in Diabetes1 della American Diabetes Association (ADA) rimangono un punto di riferimento nella gestione del diabete, e vengono aggiornati annualmente, per fornire ai medici, pazienti e ricercatori i trattamenti più recenti, principi di prevenzione e cure.

Il ruolo dei dolcificanti a basso contenuto calorico nella dieta: quali sono i nuovi standard di ADA

Gli edulcoranti ipocalorici possono essere uno strumento utile nella dieta delle persone con diabete, perché non aumentano i livelli ematici di glucosio o l’insulina. L’American Diabetes Association riconosce che “ per coloro che sono abituati a prodotti zuccherati, i dolcificanti non nutritivi hanno il potenziale di ridurre le calorie complessive e l’assunzione di carboidrati e possono essere preferiti allo zucchero quando consumati con modernazione “. 2 Inoltre, ADA riconosce la sicurezza degli edulcoranti ipocalorici, come già confermato dalle autorità di sicurezza alimentare nel mondo , aggiungendo che “le agenzie di regolamentazione impostano livelli di assunzione giornaliera accettabile per ogni dolcificante non nutritivo, definita come la quantità che può essere consumata in modo sicuro nel corso della vita di una persona.”

Sulla base della letteratura disponibile 3, 4, ADA conclude nelle sue raccomandazioni di terapia di nutrizione medica (MNT): “l’uso di dolcificanti non nutritivi ha il potenziale di ridurre l’assunzione di carboidrati e le calorie complessive se sostituiti ai dolcificanti calorici e senza compensazione da assunzione di calorie supplementari provenienti da altre fonti di cibo. I Dolcificanti non nutritivi sono generalmente sicuri da usare entro i livelli di assunzione quotidiana generalmente accettati.

Nuove raccomandazioni sulla gestione dello stile di vita nelle linee guida di quest’anno

Lo Standard of Care 2017 incorporare diversi nuovi orientamenti emessi nel 2016 da ADA, compresi quelle sulla gestione dello stile di vita. “ Quest’anno, gli Standard comprendono assistenza fondamentale psicosociale basata su nuove prove, ulteriore attività fisica, chirurgia metabolica e ipoglicemia, tutti elementi che possono avere effetti sulla cura del diabete ” ha detto Chief Scientific Medical Officer Robert E. Ratner, MD, FACP, FACE in un comunicato stampa rilasciato da ADA .

In relazione alla attività fisica, è la prima volta che le linee guida di ADA includono la raccomandazione di ridurre il tempo quotidiano trascorso in sedentarietà. In particolare, si afferma che lo stare troppo seduti, particolarmente in adulti con diabete di tipo 2. Ulteriori linee guida di ADA includono, come nel 2016, la raccomandazione di 150 min o più di attività fisica di intensità moderata-vigorosa, su almeno 3 giorni alla settimana, idealmente combinata con esercizi di resistenza (2-3 sessioni / settimana), flessibilità ed equilibrio, almeno due volte su base settimanale.

Quando si parla di terapia nutrizionale nel diabete, è assodato che la dieta ha un ruolo fondamentale nella gestione del diabete. Tuttavia, per molti individui sapere cosa mangiare rimane la parte più impegnativa del piano di trattamento globale.

Qui di seguito alcuni principi chiave, basati su prove, sull’assunzione di energia e nutrienti nella gestione del diabete:

  • Ridotta assunzione di energia rispetto all’energia consumato con l’attività fisica è il primo passo per raggiungere una perdita di peso, un obiettivo importanto per adulti in sovrappeso o obesi con diabete di tipo 2 o chi presenta pre-diabete.
  • Un piano dietetico che esalti gli elementi di una dieta mediterranea ricca di grassi monoinsaturi può migliorare il metabolismo del glucosio e dminuire il rischio di malattia cardiovascolare.
  • Optare per i carboidrati da cereali integrali, verdure, frutta, legumi e prodotti lattiero-caseari, con un’enfasi sui prodotti alimentari ricchi di fibra rispetto a quelli contenenti zuccheri. I dolcificanti a basso contenuto calorico possono essere utilizzati per sostituire lo zucchero negli alimenti e bevande poiché non interessano i livelli del glucosio del sangue né forniscono calorie.
  • Mangiare alimenti ricchi di acidi grassi omega-3, come ad esempio pesci grassi, noci e semi, consigliato per ridurre il rischio cardio-metabolico nelle persone con diabete.

Importante è notare che un approccio “taglia unica” non è applicabile nella terapia nutrizionale per la gestione del diabete e un piano alimentare individualizzato, preferibilmente fornito da un dietista, è un componente chiave del piano di trattamento globale , che permette un migliore controllo glicemico.

  1. American Diabetes Association® Standards of Medical Care in Diabetes 2017. Diabetes Care Jan 2017, 40 (Supplement 1). Available online: http://care.diabetesjournals.org/content/40/Supplement_1
  2. American Diabetes Association® 2017 Standards of Medical Care in Diabetes: 4. Lifestyle management. Diabetes Care 2017 Jan; 40(Supplement 1): S33-S43
  3. Evert AB, Boucher JL, Cypress M, et al. Raccomandazioni per la terapia alimentare per la gestione di adulti diabetici Diabetes Care. 2014; 37(Suppl.1): S120-S143
  4. Gardner C, Wylie-Rosett J, Gidding SS, et al. Nonnutritive sweeteners: current use and health perspectives: a scientific statement from the American Heart Association and the American Diabetes Association. Diabetes Care 2012; 35: 1798-1808