Comitato consultivo scientifico sui Dolcificanti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Comitato consultivo scientifico (Scientific Advisory Panel - SAP) sui Dolcificanti con il supporto dell'Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA)

Dopo aver ottenuto il Bachelor Degree (McGill University, Montreal) e il Masters Degree (Concordia University, Montreal) in psicologia sperimentale, France Bellisle ha lavorato presso il College de France a Parigi nel laboratorio di Jacques Le Magnen. Ha ottenuto il Dottorato presso l’Università di Parigi. Dal 1982 fino al 2010, nell’ambito degli Istituti Nazionali di Ricerca Francesi (CNRS, INRA), ha sviluppato ricerche originali sui comportamenti dell’ingestione negli esseri umani. I suoi interessi nella ricerca coprono tutti i tipi di determinanti dell’assunzione di cibo e fluidi nei consumatori umani, che includono fattori psicologici, sensoriali e metabolici, nonché le influenze ambientali. Ha pubblicato più di 250 articoli in riviste “peer reviewed” e ha contribuito scrivendo capitoli per vari libri. Attualmente è una consulente indipendente per progetti scientifici nell’ambito dell’appetito umano.

Marc Fantino è un Dottore Medico (MD) e Dottore in Scienze. Nominato professore ordinario presso la Scuola di Medicina dell’Università della Borgogna (1982), è stato capo del Dipartimento di Fisiologia e Nutrizione Umana dal 1987 al 2013 e anche capo di un dipartimento medico presso l’Ospedale Universitario di Digione-Francia. Allo stesso tempo, è stato Direttore della Scuola di Dottorato in Scienze della Vita dell’Università della Borgogna (dal 1993 al 2001), esperto presso l’Agenzia Nazionale Francese per la Sicurezza Alimentare (1996-2006) e anche Presidente del comitato per il conferimento del logotipo del Programma Nazionale di Nutrizione e Salute (2004-2011).

Essendo ora in pensione dall’Università della Borgogna dal 2013, come Professore onorario ha co-fondato e gestito, dal 2013 al 2018, un’organizzazione di ricerca clinica, CREABio Rhône-Alpes®, dove sono state realizzate ricerche applicate nei campi dei processi sensoriali e metabolici che controllano i comportamenti alimentari e la regolazione del peso corporeo negli esseri umani.

Alison Gallagher è Professoressa di Nutrizione nella Sanità Pubblica e presso l’Università dell’Ulster, dove collabora alla ricerca nell’ambito del Centro di Innovazione della Nutrizione per gli Alimenti e la Salute (Nutrition Innovation Centre for Food and Health – NICHE). I suoi interessi nella ricerca riguardano l’ambito dell’obesità e includono i dolcificanti ipocalorici/non-nutritivi e il loro impatto potenziale sulla salute, lo sviluppo di fattori di rischio per la malattia e interventi sullo stile di vita in fasi chiave nel ciclo della vita, in particolare per migliorare l’attività fisica e la salute.

È Nutrizionista Riconosciuta (Sanità Pubblica) e Membro dell’Associazione per la Nutrizione (Association for Nutrition – FAfN) nell’isola dell’Irlanda. È un membro attivo della Società per la Nutrizione e attualmente è Caporedattore dei Verbali della Società per la Nutrizione. Oltre ad essere un membro esperto del Comitato Consultivo Scientifico sui Dolcificanti sostenuto dall’ISA, è anche membro/Vicepresidente del Comitato per la Ricerca Scientifica su Petto, Cuore e Ictus dell’Irlanda del Nord (Northern Ireland Chest Heart Stroke Scientific – NICHS), membro/Presidente del Comitato Consultivo Editoriale del Bollettino sulla Nutrizione e membro del Comitato per le Indicazioni Nutrizionali e Sanitarie (https://www.gov.uk/government/groups/uk-nutrition-and-health-claims-committee). È un’appassionata sostenitrice della Piattaforma Europea per la Leadership nella Nutrizione (European Nutrition Leadership Platform – ENLP) e, dopo aver partecipato al seminario della ENLP nel 1997 ha sempre continuato la sua attività in questo programma di leadership internazionale, e ora è Presidente del Consiglio della ENLP (www.enlp.eu.com).

Il Dott. Carlo La Vecchia ha ricevuto il suo MD presso l’Università di Milano e un Master of Science in Medicina Clinica (epidemiologia) presso l’Università di Oxford. Attualmente è professore di Statistica Medica ed Epidemiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Milano.

Il Dott. La Vecchia svolge l’attività di editore per vari giornali clinici ed epidemiologici. È un tra gli epidemiologi più rinomati e produttivi nel suo campo con più di 2260 pubblicazioni “peer-reviewed” nella letteratura ed è tra i ricercatori medici più citati a livello mondiale, in base a ISI HighlyCited.com, lo sviluppatore ed editore del Science Citation Index (2003, 2017-2020, H index 182, H10 index 1800). Il Dott. La Vecchia è stato Professore Associato Aggiunto di Epidemiologia presso la Harvard School of Public Health, Boston, Ma (1996-2001) e Professore Aggiunto di Medicina presso il Vanderbilt Medical Centre e il Vanderbilt-Ingram Cancer Centre (2002-18).

Wendy Russell è una chimica specializzata in nutrizione molecolare che effettua ricerche sulla complessa interazione tra dieta e salute. La sua ricerca mira a stabilire l’effetto della nostra dieta su diversi gruppi di popolazione e, attraverso interventi dietetici, a capire il ruolo del cibo nella prevenzione di disturbi quali le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e il cancro. Wendy ha ottenuto fondi dal Governo scozzese per effettuare ricerche sul potenziale di nuovi raccolti, nello specifico nella fornitura di proteine per il futuro e lo sfruttamento di specie di piante poco utilizzate per migliorare la nutrizione e la agrobiodiversità. Oltre alla ricerca di nuove opportunità per l’industria alimentare e delle bibite britannica, il finanziamento di Global Challenges sta consentendo la traduzione di questo lavoro a beneficio dei piccoli agricoltori rurali e delle cooperative nell’Africa sub-sahariana. Wendy è redattrice associata per Microbiome e presiede gruppi di esperti dell’Istituto Internazionale per le Scienze della Vita (ILSI) sulla “gestione nutrizionale della glicemia postprandiale” e “l’efficacia dell’intervento negli individui con sindrome metabolica”.