Un nuovo studio mostra il ruolo utile della sostituzione delle bevande zuccherate con bevande con dolcificanti con poche/senza calorie per le persone che vivono con sovrappeso o obesità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi di rete di studi clinici condotta dal Gruppo di Studio sul Diabete e sulla Nutrizione (DNSG) dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) per indicare le Linee Guida della Pratica Clinica dell’EASD per la Terapia Nutrizionale

Sintesi

  • Una nuova revisione sistematica e meta-analisi di studi randomizzati controllati (RCT) conferma un ruolo benefico delle bevande con dolcificanti con poche/senza calorie nella riduzione del peso corporeo e dei fattori di rischio cardiometabolico, quando queste bevande sostituiscono le bevande zuccherate nella dieta.
  • Le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie sono state associate a una riduzione del peso corporeo, dell’indice di massa corporea, della percentuale di grasso corporeo e dei lipidi intraepatocellulari negli adulti con sovrappeso o obesità che sono a rischio o soffrono di diabete, rispetto alle bevande zuccherate.
  • I loro benefici sono stati simili a quelli dell’acqua, il sostituto dello standard di cura, rendendo le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie un’utile strategia di sostituzione alternativa alle bevande zuccherate.

 

Attualmente manca una guida chiara sul ruolo delle bevande dolcificate con dolcificanti con poche/senza calorie nelle strategie di riduzione dello zucchero nelle principali linee guida dietetiche, dal momento che rimangono delle preoccupazioni circa il loro impatto sulla salute cardiometabolica. Per fornire prove che potrebbero contribuire a indicare le linee guida sull’assunzione di bevande con dolcificanti con poche/senza calorie, come sostituzione prevista per le bevande zuccherate (SSB), è stato condotto un nuovo studio, pubblicato su JAMA Network Open, dagli esperti del Gruppo di studio sul diabete e la nutrizione (DNSG) dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD).1 Gli esperti di nutrizione e diabete hanno rivisto e analizzato tutti gli studi disponibili che hanno analizzato gli effetti delle bevande con dolcificanti con poche/senza calorie sugli esiti del peso e sui fattori cardiometabolici, e hanno esaminato se le bevande ipocaloriche, come sostituti delle SSB, possono produrre miglioramenti simili all’acqua.

Perché questo studio è importante?

Il presente studio è significativo per tre motivi principali. In primo luogo, ha lo scopo di indicare le Linee Guida di Pratica Clinica per la Terapia Nutrizionale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete. In secondo luogo, la metodologia utilizzata nello studio è un punto di forza fondamentale. L’uso della meta-analisi di rete ha fornito stime più precise rispetto alle singole stime dirette o indirette e, inoltre, ha permesso la valutazione simultanea di tre sostituzioni (bevande ipocaloriche al posto di SSB, acqua al posto di SSB e bevande ipocaloriche al posto dell’acqua), sfruttando i confronti diretti e indiretti con un comparatore comune per aumentare la dimensione delle informazioni. Infine, gli esperti del DNSG hanno condotto una ricerca completa della letteratura che includeva solo gli RCT, che forniscono una qualità più alta di evidenza e la maggiore protezione contro i bias.

Come è stato condotto lo studio?

La meta-analisi di rete ha incluso 17 RCT con 24 confronti e con una durata media dello studio di 12 settimane, coinvolgendo 1.733 partecipanti adulti con sovrappeso o obesità che erano a rischio o che avevano il diabete. I trial hanno preso in esame l’associazione delle bevande con i fattori di rischio cardiometabolico (adiposità, glicemia, lipidi nel sangue, pressione sanguigna, malattia del fegato grasso non alcolica [NAFLD] e acido urico). Sono state utilizzate tre sostituzioni pre-specificate: bevande con dolcificanti con poche/senza calorie al posto delle SSB (sostituzione prevista con spostamento calorico), acqua al posto delle SSB (sostituzione dello standard di cura con spostamento calorico), e bevande con dolcificanti con poche/senza calorie al posto dell’acqua (sostituzione di riferimento senza spostamento calorico).

Cosa hanno mostrato i risultati dello studio?

I risultati di questo studio supportano l’affermazione secondo cui la sostituzione delle bevande zuccherate con bevande con dolcificanti con poche/senza calorie è associata a riduzioni del peso corporeo e dei fattori di rischio cardiometabolico, senza alcuna evidenza di danni. Questi miglioramenti erano simili in direzione a quelli associati alla sostituzione dell’acqua, lo standard di cura.

Nello specifico, i risultati dello studio hanno mostrato che la prevista sostituzione delle SSB con bevande con dolcificanti con poche/senza calorie era associata a piccole ma significative riduzioni del peso corporeo (-1.06 kg; da -1.71 a -0.41 kg), dell’indice di massa corporea, della percentuale di grasso corporeo e dei lipidi intraepatocellulari, con una moderata certezza dell’evidenza. Inoltre, non vi è stata evidenza di danni o eventi avversi associati a questa sostituzione. Una piccola riduzione del peso corporeo è stata anche associata ai dolcificanti con poche/senza calorie rispetto all’acqua, mentre l’acqua è stata associata a un livello inferiore di emoglobina glicosilata e le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie a una maggiore diminuzione della pressione sanguigna sistolica rispetto all’acqua. Infine, per il confronto tra le SSB e l’acqua, né il peso corporeo né altri risultati hanno mostrato differenze significative, anche se la direzione dell’associazione ha favorito l’acqua per la maggior parte degli esiti.

Cosa significano questi risultati per le persone che vivono con sovrappeso o obesità?

Le persone che vivono con sovrappeso o obesità e che sono a rischio o hanno il diabete dovrebbero essere in grado di godere di una varietà di cibi e bevande sani, sicuri e di buon gusto nei loro sforzi per gestire il loro peso corporeo e i livelli di glucosio nel sangue. I risultati di questo studio confermano che, a medio termine, le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie possono essere una pratica alternativa all’acqua come strategia di sostituzione delle bevande zuccherate e, se consumate nell’ambito di una dieta e di uno stile di vita sani, possono aiutare le persone che vivono con sovrappeso o obesità nei loro sforzi di controllo del peso.

I risultati dello studio sono anche in linea con i risultati di altre revisioni sistematiche.2-7 I dolcificanti con poche/senza calorie possono essere utilizzati in alimenti e bevande per fornire un’ampia scelta di opzioni dal sapore dolce con poche o nessuna caloria. Possono essere, pertanto, uno strumento utile, se utilizzati al posto dello zucchero e nell’ambito di una dieta equilibrata, per aiutare a ridurre l’assunzione globale di zucchero e calorie2-4 e, a loro volta, a controllare il peso corporeo4,5, nonché per gestire i livelli di glucosio nel sangue.6,7

Gli esperti di nutrizione e diabete del DNSG e gli autori di questo studio concludono che questi risultati possono fungere da guida sul ruolo delle bevande con dolcificanti con poche/senza calorie nelle strategie di riduzione dello zucchero.

  1. McGlynn ND, Khan TA, Wang L, et al. Association of Low- and No-Calorie Sweetened Beverages as a Replacement for Sugar-Sweetened Beverages With Body Weight and Cardiometabolic Risk: A Systematic Review and Meta-analysis. JAMA Network Open 2022; 5(3):e222092
  2. Lee HY, Jack M, Poon T, Noori D, Venditti C, Hamamji S, Musa-Veloso K. Effects of Unsweetened Preloads and Preloads Sweetened with Caloric or Low-/No-Calorie Sweeteners on Subsequent Energy Intakes: A Systematic Review and Meta-Analysis of Controlled Human Intervention Studies. Adv Nutr. 2021 Jul 30;12(4):1481-1499
  3. Toews I, Lohner S, Kullenberg de Gaudry D, Sommer H, Meerpohl JJ. Association between intake of non-sugar sweeteners and health outcomes: systematic review and meta-analyses of randomised and non-randomised controlled trials and observational studies. BMJ 2019;364:k4718
  4. Rogers PJ and Appleton KM.The effects of low-calorie sweeteners on energy intake and body weight: a systematic review and meta-analyses of sustained intervention studies. Int J Obes 2021; 45(3): 464-478
  5. Laviada-Molina H, Molina-Segui F, Pérez-Gaxiola G, et al. Effects of nonnutritive sweeteners on body weight and BMI in diverse clinical contexts: Systematic review and meta-analysis. Obesity Reviews 2020;21(7):e13020.
  6. Greyling A, Appleton KM, Raben A, Mela DJ. Acute glycemic and insulinemic effects of low-energy sweeteners: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr 2020 Oct 1;112(4):1002-1014
  7. Nichol AD, Holle MJ, An R. Glycemic impact of non-nutritive sweeteners: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Eur J Clin Nutr 2018;72:796-804