Il consumo di dolcificanti con poche/senza calorie è sicuro durante la gravidanza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Dichiarazione dell’ISA in risposta allo studio di Cai et al.

Bruxelles, 18 gennaio 2021: In risposta a una nuova pubblicazione di Cai et al.1 sul consumo di dolcificanti con poche/senza calorie durante la gravidanza, l’Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) segnala le opinioni delle autorità per la sicurezza alimentare di tutto il mondo che hanno ripetutamente e costantemente confermato la sicurezza dei dolcificanti con poche/senza calorie, anche durante la gravidanza.

Di fatto, un dolcificante con poche/senza calorie, per ottenere l’approvazione per l’uso sul mercato, deve prima essere sottoposto a una valutazione approfondita sulla sua sicurezza da parte dell’autorità di sicurezza alimentare competente. Tali organismi scientifici di regolamentazione includono il Comitato scientifico congiunto di esperti sugli additivi alimentari (JECFA)2 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA)3 e la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.4

Inoltre, in una dichiarazione pubblicata nel 2011, l’EFSA ha concluso che “non è disponibile alcuna evidenza a supporto di una relazione causale tra il consumo di bevande analcoliche dolcificate artificialmente e il parto prematuro“, in risposta alle affermazioni effettuate in uno studio di Halldorsson et al.5

Inoltre, questa nuova pubblicazione di Cai et al. si basa su dati osservazionali di bassa qualità con notevoli limitazioni. Questo spiega in realtà la valutazione degli autori stessi dell’evidenza analizzata nel loro studio da “bassa” a “molto bassa”. Essendo principalmente una meta-analisi di studi osservazionali, non può provare alcuna relazione causale tra l’assunzione prenatale di bevande dietetiche e gli esiti della nascita. Come per tutti gli studi osservazionali, qualsiasi associazione osservata può essere influenzata da fattori di confusione residui e dall’elevata possibilità di causalità inversa.

In un momento in cui l’obesità e le malattie non trasmissibili, tra cui il diabete e le malattie dentali, rimangono le principali sfide per la sanità di tutto il mondo, e alla luce delle attuali raccomandazioni di salute pubblica per ridurre l’assunzione complessiva di zuccheri, i dolcificanti con poche/senza calorie possono essere utili per creare ambienti alimentari più sani. Forniscono un’ampia scelta di opzioni al sapore dolce con poche o senza calorie, e quindi possono essere uno strumento utile, se utilizzati al posto dello zucchero e nell’ambito di una dieta equilibrata, per aiutare a ridurre l’assunzione complessiva di zucchero e calorie, nonché per gestire i livelli di glucosio nel sangue, anche per le donne in gravidanza che possono essere a rischio di diabete gestazionale.6 I dolcificanti con poche/senza calorie, inoltre, non fermentano a contatto con i batteri orali, il che significa che non contribuiscono alla demineralizzazione dei denti, che è uno dei motivi della carie dentale.6 Questo può essere utile durante la gravidanza, che spesso mette a dura prova la salute generale della bocca7,8 e garantire denti sani è molto importante.

  1. Cai C, Sivak A, Davenport MH. Effects of Prenatal Artificial Sweeteners Consumption on Birth Outcomes: A Systematic Review and Meta-Analysis. Public Health Nutrition 2021 Jan 14;1-26. doi:10.1017/S1368980021000173
  2. http://www.fao.org/food/food-safety-quality/scientific-advice/jecfa/en/
  3. http://www.efsa.europa.eu/en/topics/topic/sweeteners
  4. https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/high-intensity-sweeteners
  5. Statement of EFSA on the scientific evaluation of two studies related to the safety of artificial sweeteners. EFSA 2011, EFSA Journal 2011;9(2):2089: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/j.efsa.2011.2089
  6. EFSA Scientific opinion on the substantiation of health claims related to intense sweeteners. EFSA 2011 Journal 9(6): 2229, and 9(4): 2076 and Commission Regulation 432/2012/EU (OJ L 136 25.5.2012, p. 1): http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2012:136:0001:0040:en:PDF
  7. CDC Pregnancy and Oral Health: https://www.cdc.gov/oralhealth/publications/features/pregnancy-and-oral-health.html
  8. NHS Teeth and Gums in Pregnancy: https://www.nhs.uk/conditions/pregnancy-and-baby/teeth-and-gums-pregnant/