Dolcificanti ipocalorici o senza calorie: il loro ruolo nella riduzione delle calorie e nella gestione del diabete

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Notizie scientifiche dal 13º Congresso Europeo di Nutrizione (FENS 2019)

FENS Conference 2019 – Dublino, 16 Ottobre: Con l’aumento dei tassi di obesità a livello mondiale e con la riduzione dello zucchero e delle calorie che sono diventati priorità nell’ambito della salute pubblica, i dolcificanti ipocalorici o senza calorie possono essere uno strumento utile nella riformulazione degli alimenti dal momento che consentono di sostituire lo zucchero e ridurre le calorie negli alimenti e nelle bibite senza rinunciare al piacere del sapore dolce. Riconoscendo il ruolo dei dolcificanti ipocalorici o senza calorie in tale contesto, nonché il crescente interesse scientifico in merito al ruolo che possono svolgere nel controllo del peso e del diabete, oggi l’Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) ha organizzato il simposio “Dolcificanti ipocalorici nella dieta umana: Evidenza scientifica e raccomandazioni sul loro uso e benefici” nell’ambito del 13º Congresso Europeo di Nutrizione (FENS 2019), dal 15 al 18 ottobre a Dublino (Irlanda).

Presentando le scoperte di un recente studio1il Prof Jason Halford, dell’Università di Liverpool (Regno Unito), ha sottolineato l’utile ruolo delle bevande con dolcificanti ipocalorici o senza calorie, dal momento che consentono ai consumatori che cercano di ridurre, o di gestire l’assunzione di calorie di continuare a godere di una dieta gradevole. In questo modo consentono anche alle persone di allineare due obiettivi potenzialmente conflittuali, in questo caso l’alimentazione edonistica e il successo nel controllo del peso. Inoltre, questo studio ha scoperto che i consumatori frequenti possono utilizzare le bevande con dolcificanti ipocalorici o senza calorie come strategia di successo per controllare l’assunzione di cibo – e quindi di calorie – quando ne hanno voglia. Da un punto di vista psicologico, avere a disposizione delle bevande dietetiche ha consentito a questi consumatori di sentirsi anche più capaci di controllare e meno colpevoli di quello che stavano per mangiare. Per ulteriori informazioni sui risultati di questo studio leggi il nostro articolo “Le bevande con dolcificanti ipocalorici aiutano a controllare il desiderio di cibo?” disponibile qui.

In aggiunta alla presentazione del Prof Halford, la Prof.ssa Anne Raben, dell’Università di Copenhagen (Danimarca), ha condiviso i risultati di una serie di revisioni e metanalisi sistematiche complete pubblicate in anni recenti. Queste suggeriscono che l’uso di dolcificanti ipocalorici o senza calorie può portare ad un’assunzione di calorie relativamente ridotta e, di conseguenza, un minor peso corporeo rispetto allo zucchero, sia negli adulti che nei bambini.2 Inoltre, dimostrano che i dolcificanti ipocalorici o senza calorie non influenzano il controllo del glucosio nel sangue.3,4 I benefici del consumo di alimenti e bevande che contengono dolcificanti ipocalorici o senza calorie al posto dello zucchero nel senso che inducono un minor aumento del glucosio nel sangue in seguito al loro consumo, rispetto a cibi/bevande che contengono zucchero sono riconosciuti anche in un parere scientifico della Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ed è un’indicazione sanitaria autorevole che si trova nel Registro dell’Unione Europea delle indicazioni per la nutrizione e la salute.5

Nell’ambito delle raccomandazioni delle autorità sanitarie pubbliche di tutto il mondo per la riduzione dell’assunzione di zucchero per diminuire il rischio e la prevalenza dell’obesità,6 la Dottoressa Margaret Ashwell OBE, di Ashwell Associates (Regno Unito), ha presentato i risultati di un workshop relativo al consenso sui dolcificanti ipocalorici che si è tenuto a novembre del 2018. Ha sottolineato l’utile ruolo che possono avere i dolcificanti ipocalorici/senza calorie negli approcci dietetici che aiutano nella prevenzione e gestione di diabete e obesità, se vengono utilizzati come parte di una dieta generalmente sana ed equilibrata e di uno stile di vita salutare. Da un punto di vista delle politiche, gli esperti che hanno partecipato al workshop hanno suggerito l’esigenza di aiutare a riconciliare le divergenze politiche cercando un punto in comune relativamente al ruolo dei dolcificanti ipocalorici/senza calorie nella dieta da parte di coloro che preparano le politiche, degli scienziati e degli esperti nelle normative. Sarebbe anche utile rivedere gli ostacoli normativi che impediscono lo sviluppo e la riformulazione di prodotti volti alla riduzione di zucchero e calorie, come hanno sottolineato gli esperti.

Per ulteriori informazioni in merito al simposio dell’ISA e agli studi presentati in quest’occasione, vi invitiamo a leggere l’articolo dedicato e più dettagliato disponibile nel sito web dell’ISA, qui. Per ulteriori informazioni sulla partecipazione dell’ISA al FENS 2019, vogliate fare clic qui.

Entrate nella conversazione nei social media sul FENS 2019 utilizzando l’hashtag #FENS2019 e mettete in comune i vostri pensieri sul simposio dell’ISA con l’hashtag #ISAatFENS.

  1. Maloney NG, Christiansen P, Harrold JA, Halford JCG, Hardman CA. Do low calorie sweetened beverages help to control food cravings? Two experimental studies. Physiology & Behaviour 2019; 208: 112500
  2. Rogers PJ, Hogenkamp PS, de Graaf C., et al. Does low-energy sweetener consumption affect energy intake and body weight? A systematic review, including meta-analyses, of the evidence from human and animal studies. Int. J. Obes. 2016; 40: 381–394
  3. Nichol AD, Holle MJ, An R. Glycemic impact of non-nutritive sweeteners: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Eur J Clin Nutr 2018; 72: 796-804
  4. Tucker RM, Tan SY. Do non-nutritive sweeteners influence acute glucose homeostasis in humans? A systematic review. Physiol Behav 2017; 182: 17-26
  5. The European Food Safety Authority (EFSA) has concluded that: “Consumption of foods/drinks containing intense sweeteners instead of sugar induces a lower blood glucose rise after their consumption compared to sugar-containing foods/drinks”. EFSA Scientific opinion on the substantiation of health claims related to intense sweeteners. EFSA 2011 Journal 9(6): 2229, and 9(4): 2076
  6. Public Health England (PHE) 2015. Sugar reduction: The evidence for action. Annexe 5: Food Supply. Available online at: https://www.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/470176/Annexe_5._Food_Supp…