Succinosi non cancerogena: una analisi della motivazione scientifica e regolamentare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Colin Berry, David Brusick, Samuel M. Cohen, Jerry F. Hardisty, V. Lee Grotz & Gary M. Williams
Publication name: Nutrition and Cancer 2016; DOI: 10.1080/01635581.2016.1224366
Publication year: 2016

Abstract

Le autorità di regolamentazione

in tutto il mondo hanno trovato che i dolcificanti non nutritivi, il sucralosio non cancerogenici, basato su una serie di studi. È stata condotta una revisione di questi ed altri studi trovati attraverso una ricerca completa dei database elettronici, utilizzando termini chiave appropriati, e i risultati di tale esame sono segnalati qui. Una panoramica dei tipi di studi presi in considerazione dalle agenzie regolatorie per valutare la cancerogenicità potenziale viene inoltre fornito come contesto. Studi chimico-fisici e farmacocinetici/tossicocinetici confermano la stabilità nelle condizioni d’uso e non rivelano alcun metabolita potenzialmente cancerogeno. Saggi in vitro e in vivo non rivelano alcuna attività genotossica confermata. Studi sulla cancerogenicità a lungo termine nei modelli animali non forniscono alcuna prova del potenziale cancerogeno del sucralosio. In studi negli adulti sani, il sucralosio è stato ben tollerato e senza evidenza di tossicità o altre modifiche che potrebbero suggerire un potenziale effetto cancerogeno. Riassumendo, il sucralosio non dimostra attività cancerogena anche quando i livelli di esposizione sono di diversi ordini di grandezza maggiori rispetto ai livelli di ingestione quotidiana previsti.

Sintesi

Questa analisi sistematica e completa ha esaminato tutte le prove disponibili e gl studi a conferma della sicurezza e della cancerogenicità di sucralosio e ha confermato che il dolcificante è sicuro da consumare e non causa il cancro. Sucralosio non dimostra attività cancerogena, anche quando i livelli di esposizione sono di diversi ordini di grandezza più alti rispetto ai livelli di assunzione giornaliera previsti. L’esame della letteratura scientifica in questo settore con ricerca sistematica degli studi disponibili, compresa la ricerca indipendente condotta quella finanziata dal settore sulla sicurezza del sucralosio, ha condotto gli autori a concludere che:

  • non c’ non è nessuna prova di preoccupazioni chimiche o tossicità;
  • Nessun metabolita trovato nel sucralosio è cancerogeno;
  • nessun cambiamento ai geni è stato osservato ad indicare effetti cancerogeni;
  • alle dosi migliaia di volte superiori alla massima assunzione giornaliera prevista in esseri umani, gli studi sulla tossicità e la cancerogenicità a lungo termine “non ha mostrato prove che il sucralosio possa avere potenziale cancerogeno”.

Vedi tutto il documento