Miglioramento degli edulcoranti ipocalorici e vantaggi per la salute dentale rispetto agli zuccheri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Grenby TH
Publication name: Proc Finn Dent Soc. 1991; 87(4): 489-99
Publication year: 1991

Abstract

Molti fattori devono essere considerati nello sviluppo di nuovi edulcoranti intensi per sostituire gli zuccheri nella dieta a beneficio di salute dentale. Questi includono loro proprietà generali, sicurezza e valutazione tossicologica, destino metabolico nel corpo, status normativo e documentazione della ricerca dentale. La scelta di nuovi edulcoranti con proprietà migliorate si sta espandendo, con particolare attenzione ai dolcificanti ai dolcificanti multipli. Ai materiali di origine naturale, così come ai vantaggi per la salute dentale, la distinzione tra proprietà non cariogeni e anticariogeno, garantire l’approvazione della regolamentazione e lo sviluppo di una gamma completa di cibi e bevande contenenti i nuovi materiali.

Sintesi

Questa analisi fornisce una sintesi dei progressi dei primi anni ‘ 90 in relazione gli edulcoranti ipocalorici e i loro benefici per la salute dentale. Una serie di studi è stata condotta sucessivamente per fornire altre prove del ruolo benefico degli edulcoranti ipocalorici nella salute orale. Prendendo in considerazione tutte le evidenze disponibili pubblicate, nel 2011 l’EFSA ha concluso nel suo parere scientifico che c’è sufficiente informazione scientifica a sostegno delle affermazioni che gli edulcoranti intensi, come tutti i sostituti dello zucchero, mantengano la mineralizzazione dei denti diminuendo la demineralizzazione del dente se consumato al posto degli zuccheri.

Sulla base di questo parere scientifico dell’EFSA , la Commissione europea ha autorizzato l’indicazione sanitaria secondo la quale il consumo di alimenti contenenti edulcoranti ipocalorici al posto dello zucchero contribuisce al mantenimento della mineralizzazione del dente, nel 2012 (Commissione regolamento (UE) n. 432/2012, 16 maggio 2012).

Vedi tutto il documento