L’apporto zuccherato di bevanda e il rischio di diabete auotoimmune latente negli adulti (LADA) e il diabete Tipo 2

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Löfvenborg JE, Anderson T, Carlsson PO, Dorkhan M, Groop L, Martinell M, Tuomi T, Wolk A, Carlsson S
Publication name: Eur J Endocrinol. 2016 Dec;175(6):605-614
Publication year: 2016

Abstract

OBIETTIVO: L’assunzione di bevande zuccherate è associata a un aumentato rischio di diabete di tipo 2, ma la sua associazione con diabete autoimmune è poco chiara. Abbiamo mirato a studiare l’assunzione di bevande zuccherate e rischio di diabete autoimmune latente in adulti (LADA); diabete autoimmune con le caratteristiche del diabete di tipo 2.
STRUTTURA/METODI: utilizzati dati da uno studio basato sulla popolazione svedese, compresi i casi incidente di LADA (n = 357) e diabete di tipo 2 (n = 1136) e controlli selezionati in modo casuale (n = 1371). La classificazione del diabete è stata basata sull’età di insorgenza (? 35), autoanticorpi di acido glutammico decarbossilasi (GADA) e C-peptide. Informazioni sulla assunzione di bevande zuccherate sono derivate da un questionario di frequenza dell’alimento convalidato. OR aggiustato per età, sesso, storia familiare di diabete, educazione, stile di vita, dieta, assunzione di energia e BMI sono state stimate utilizzando la regressione logistica.
risultati: L’assunzione giornaliera di & gt; 2 porzioni di bevande zuccherate (consumate dal 6% dei partecipanti) è stata associata a rischio aumentato di LADA (o: 1,99, 95% IC: 1.11-3,56) e per ogni dose giornaliera di 200 mL, o era 1.15 (95% CI: 1.02-1.29). I risultati erano simili per bevande zuccherate (o: 1.18, 95% IC: 1,00-1,39) e bevande dolcificate artificialmente (o: 1.12, 95% IC: 0.95-1.32). Allo stesso modo, ciascun aumento di dose giornaliera delle bevande zuccherate totali ha dato un rischio di diabete di tipo 2 aumentato del 20% (95% CI: 1.07-1.34). Nei pazienti con diabete di tipo 2, i grandi consumatori hanno mostrato livelli elevati di HOMA-IR (4,5 contro 3.5, P = 0,0002), ma livelli più bassi di HOMA-B (55 vs 70, P = 0.0378) rispetto ai non consumatori. Tendenze analoghe sono state osservate in LADA.
CONCLUSIONI: L’alta assunzione di bevande zuccherate è stata associata ad un rischio aumentato di LADA. La relazione osservata era simile a quella con il diabete di tipo 2, suggerendo percorsi comuni che forse coinvolgono l’insulino-resistenza.

Sintesi

Sulla base di un numero molto piccolo di popolazione, in particolare, solo il 6% delle persone con diabete di tipo LADA (complessivamente 21 persone), lo studio di Löfvenborg et al. 357 suggerisce che l’assunzione quotidiana di più di due bevande zuccherate è associato a un aumento del rischio di LADA e, allo stesso modo, del diabete di tipo 2.

Inoltre, per sua natura, uno studio d’osservazione non può stabilire una relazione causale tra consumo di bevande dieta e il rischio di sviluppare il diabete. Infatti, gli autori riconoscono la limitazione principale dello studio, che è la sua impostazione retrospettiva che può comportare un errore sistematico di memoria. Il fatto che ai pazienti è sono chiesto di ricordare il loro consumo di bevande zuccherate prima della diagnosi, mentre ai controlli era stato chiesto di ricordare la loro assunzione nel corso dell’anno immediatamente la data di partecipazione, può introdurre l’errore. Come in tutti gli studi di natura osservazionale, non può escludersi la possibilità che i risultati siano influenzati da residui e non misurati fattori di confondimento o sotto-segnalazione.

Inoltre, ciò che è piuttosto sorprendente è che i risultati di uno studio su persone con diabete di tipo LADA, chiamato anche diabete di tipo 1 a inizio tardo, significa che si tratta di diabete di tipo 1 che emerge ad un certo punto nella vita adulta anziché in giovane età. LADA è una malattia autoimmune e non esiste alcuna prova a sostegno del fatto che alimenti specifici o comportamenti dietetici possono causare disordini autoimmuni. Pertanto, tali osservazioni hanno poco valore e sono discutibili. Per ulteriori informazioni, leggere i commenti ISA facendo clic qui.

Vedi tutto il documento