Analisi dell’efficacia dell’aspartame come aiuto nel controllo del peso corporeo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): de la Hunty A, Gibson S and Ashwell M
Publication name: British Nutrition Foundation Nutrition Bulletin, 2006; 31: 115-128
Publication year: 2006

Abstract

Strategie per invertire la tendenza al rialzo nei tassi di obesità devono concentrarsi su entrambi riducendo l’apporto energetico e l’aumento della spesa energetica. La fornitura alimenti a bassa/ridotta energia è un modo per aiutare le persone a ridurre la loro assunzione di energia e quindi permettere il mantenimento del peso o la perdita di peso. L’uso di dolcificanti intensi come un sostituto per saccarosio offre potenzialmente un modo per aiutare le persone a ridurre la densità di energia della loro dieta senza alcuna perdita di appetibilità. Questo rapporto esamina la prova dell’effetto dell’aspartame sulla perdita di peso, le assunzioni di energia e di mantenimento di peso negli adulti e quanta energia è compensata e se l’uso di cibi e bevande con aspartame è un modo efficace per perdere peso. Tutti gli studi che hanno esaminato l’effetto della sostituzione dello zucchero con l’aspartame da solo o con l’aspartame in combinazione con altri edulcoranti intensi sull’apporto energetico o di peso corporeo sono stati identificati. Gli studi che sono stati randomizzati controllati in adulti sani e che non hanno misurato le assunzioni di energia per almeno 24 h (per quelli con le assunzioni di energia come una misura di risultato) sono stati esclusi dall’analisi. Un minimo di dati di assunzione di energia a 24-h è stato impostato come il cut-off per garantire la massima visualizzazione di effetti compensatori. Un totale di 16 studi sono stati inclusi nell’analisi. Di questi 16 studi, 15 hanno avuto apporto energetico come una misura di risultato. Gli studi che hanno utilizzato bevande analcoliche come veicolo per l’aspartame hanno usato tra 500 e circa 2000 ml che equivale a circa due-sei lattine o bottiglie di bibite analcoliche ogni giorno. Una significativa riduzione di apporti energetici è stata vista con l’aspartame rispetto a tutti i tipi di controllo ad eccezione di quando l’aspartame è stato confrontato con i controlli senza saccarosio, come l’acqua. I confronti più rilevanti sono gli studi di progettazione parallela che confronta gli effetti dell’aspartame con il saccarosio. Questi hanno avuti una superficie complessiva di effetto di 0,4 di differenza standardizzata (SD). Questo corrisponde ad una riduzione media di circa il 10% dell’apporto energetico. A un’assunzione di energia media di 9,3 MJ/giorno (in media gli uomini adulti e donne 19-50 anni) si tratta di un deficit di 0.93 MJ/giorno (222 kcal/giorno o 1560 kcal/settimana), che si prevederebbe (utilizzando un valore di energia per tessuto obeso di 7500 kcal/kg) per indurre una perdita di peso di circa 0,2 kg/settimana con un intervallo di confidenza 50% su entrambi i lati di questa stima. Informazione sull’entità della compensazione disponibile per 12 su 15 studi. La media ponderata di queste cifre era del 32%. La compensazione è può variare con una serie di fattori quali la dimensione del deficit calorico, il tipo di cibo o bevande manipolati e scala cronologica. Una stima del valore della compensazione con bevande analcoliche è stata calcolata dai quattro studi che hanno usato solo bevande analcoliche come veicolo. Una media ponderata di queste cifre è stata 15,5%. Una riduzione significativa del peso è stato visto. La figura di effetto combinato di 0,2 SD è una cifra conservatoria poiché esclude i confronti dove i controlli hanno guadagnato peso a causa della loro dieta ad alto saccarosio e i dati di follow-up a lungo termine in cui i gruppi di aspartame hanno ripreso meno peso rispetto al gruppo di controllo. Un effetto di 0,2 SD corrisponde a una riduzione del 3% in peso corporeo (2,3 kg per un adulto che pesa 75 kg). Poiché la durata dello studio medio ponderato era di 12 settimane, questo dà un tasso stimato di perdita di peso di circa 0,2 kg/settimana per un adulto di 75 kg. Le meta-analisi dimostrano che utilizzando cibi e bevande dolcificate con aspartame con saccarosio risulta in una riduzione significativa di assunzioni di energia e di peso corporeo. La meta-analisi sia dell’apporto energetico che della perdita di peso ha prodotto un tasso stimato di perdita di peso di circa 0,2 kg/settimana. Questa concordanza tra i dati calcolati da una riduzione nell’apporto energetico e le effettive misure di perdita di peso conferma che questo è un vero e proprio effetto. Le due meta-analisi degli studi hanno usato strutture e controlli ampiamente diversi Anche se questo rende i confronti difficili, suggerisce che la cifra finale di circa 0,2 kg/settimana è solida ed è applicabile alla varietà dei modi in cui gli alimenti contenenti aspartame sono utilizzati dai consumatori. Questa revisione ha indicato che l’utilizzo di alimenti e bevande dolcificate con aspartame anziché quelli dolcificate con saccarosio è un modo efficace per mantenere e perdere peso senza ridurre l’appetibilità della dieta. La diminuzione di apporti energetici e il tasso di perdita di peso che si può ragionevolmente ottenere è bassa, ma significativa e, sulla base della popolazione, più che sufficiente per contrastare l’attuale tasso medio del guadagno di peso di circa 0,007 kg/settimana. Su base individuale, fornisce un elemento utile per altri regimi di perdita di peso. Non si verifica compensazione per l’energia sostituita ma questo è solo circa un terzo dell’energia sostituita ed è probabilmente meno quando si utilizzano bibite dolcificate con aspartame. Tuttavia, questi valori di compensazione sono derivati da studi a breve termine. Più dati sono necessari più a lungo termine per determinare se si matura una tolleranza agli effetti. Per raggiungere il tasso medio di perdita di peso visto in questi studi di 0,2 kg/settimana richiederà un deficit di circa 220 kcal (0,93 MJ) al giorno in base a un valore di energia per tessuto obeso di 7500 kcal/kg. Supponendo il più alto tasso di compensazione (32%), questo richiederebbe la sostituzione di circa 330 kcal/giorno (1,4 MJ/giorno) da saccarosio con aspartame (che equivale a circa 88 g di saccarosio). Utilizzando il più basso tasso stimato di compensazione per sole bibite (15,5%) richiederebbe la sostituzione di circa 260 kcal/giorno (1,1 MJ/giorno) di saccarosio con l’aspartame. Questo è equivalente a 70 g di saccarosio o circa due lattine di bibite di ogni giorno.

Sintesi

Questo rapporto esamina le prove dell’effetto dell’aspartame, un dolcificante ipocalorico, sulla perdita di peso, il mantenimento del peso e le assunzioni di energia negli adulti, e affronta la questione di quanta energia sia compensata e se l’uso di cibi e bevande addolciti con aspartame sia un modo efficace per perdere peso. Nell’analisi sono stati inclusi 16 studi. Questa analisi ha indicato che l’utilizzo di alimenti e bevande dolcificate con aspartame, rispetto a quelli dolcificati con saccarosio è un modo efficace per mantenere e perdere peso senza ridurre l’appetibilità della dieta.

Vedi tutto il documento