Le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie durante la gravidanza non influiscono negativamente sul microbioma intestinale nei neonati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Dichiarazione dell’ISA in risposta allo studio di Laforest-Lapointe et al.

Bruxelles, 4 gennaio 2021: Contrariamente a quanto affermato in un nuovo studio di Laforest-Lapointe et al.1, l’Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) sottolinea le valutazioni di sicurezza delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo che hanno ripetutamente e costantemente confermato la sicurezza di tutti i dolcificanti con poche/senza calorie approvati, anche durante la gravidanza.2,3,4

Tali autorità di regolamentazione comprendono il Comitato congiunto di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), l’Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali degli Stati Uniti (FDA) e l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA). Va da sé che, per essere approvati per l’uso, queste autorità valutano attentamente tutti i tipi di studi che esaminano i potenziali effetti collaterali, compreso qualsiasi effetto sulla funzione intestinale.

Inoltre, è importante sottolineare il fatto che, trattandosi di uno studio caso-controllo, che è un tipo di studio osservazionale, lo studio Laforest-Lapointe et al. ha una serie di limitazioni. Di fatto, questo disegno di studio non può determinare un rapporto di causa-effetto a causa di fattori di confusione potenzialmente non misurati e residui. Inoltre, i risultati di questo studio si basano solo su un piccolo sottoinsieme (n=100) di una coorte più grande.

Come riconosciuto anche dagli autori e confermato dai risultati dello studio, diversi fattori, oltre al consumo di bevande con dolcificanti con poche/senza calorie, sono i principali fattori che determinano la composizione del microbioma dell’intestino infantile. Ad esempio, si è scoperto che l’allattamento al seno, la modalità di nascita, l’etnia, l’età del neonato e gli antibiotici intrapartum hanno un notevole effetto sulla diversità del microbioma, mentre l’effetto osservato in relazione al consumo di bevande con dolcificanti con poche/senza calorie è stato minimo.Ulteriori limitazioni metodologiche di questo studio possono aver influito sull’osservazione di cui sopra, come ad esempio un potenziale errore di misurazione nelle assunzioni di bevande dichiarate dalle persone inserite nello studio.

Inoltre, i fattori che influenzano l’aumento di peso del neonato e l’indice di massa corporea (IMC) a un anno di età sono numerosi, e non esiste alcuna prova a sostegno di un nesso causale e diretto tra il consumo di bevande dietetiche durante la gravidanza e lo stato di peso del neonato. Qualsiasi associazione osservata negli studi osservazionali è molto probabile che sia dovuta alla causalità inversa, come ad esempio nel caso delle donne in gravidanza a rischio di aumento di peso che passano ai dolcificanti con poche/senza calorie per ridurre la loro assunzione di zuccheri e calorie.

In un momento in cui l’obesità e le malattie non trasmissibili, tra cui il diabete e le malattie dentali, rimangono le principali sfide per la sanità di tutto il mondo, e alla luce delle attuali raccomandazioni di salute pubblica per ridurre l’assunzione complessiva di zuccheri, i dolcificanti con poche/senza calorie possono essere utili per creare ambienti alimentari più sani. Forniscono un’ampia scelta di opzioni al sapore dolce con poche o senza calorie, e quindi possono essere uno strumento utile, se utilizzati al posto dello zucchero e nell’ambito di una dieta equilibrata, per aiutare a ridurre l’assunzione complessiva di zucchero e calorie, nonché per gestire i livelli di glucosio nel sangue, anche per le donne in gravidanza che possono essere a rischio di diabete gestazionale.5 I dolcificanti con poche/senza calorie, inoltre, non fermentano a contatto con i batteri orali, il che significa che non contribuiscono alla demineralizzazione dei denti, che è uno dei motivi della carie dentale.5 Possono quindi contribuire a una buona salute dentale, se usati al posto dello zucchero6 e nell’ambito di una dieta che si prenda cura dei denti.

  1. Laforest-Lapointe I, Becker AB, Mandhane PJ, Turvey SE, Moraes TJ, Sears MR, Subbarao P, Sycuro LK, Azad MB, Arrieta MC. Maternal consumption of artificially sweetened beverages during pregnancy is associated with infant gut microbiota and metabolic modifications and increased infant body mass index. Gut Microbes 2021;13(1):1-15. doi: 10.1080/19490976.2020.1857513. (open access)
  2. http://www.fao.org/food/food-safety-quality/scientific-advice/jecfa/en/
  3. https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/high-intensity-sweeteners
  4. http://www.efsa.europa.eu/en/topics/topic/sweeteners
  5. EFSA Scientific opinion on the substantiation of health claims related to intense sweeteners. EFSA 2011 Journal 9(6): 2229, and 9(4): 2076 and Commission Regulation 432/2012/EU (OJ L 136 25.5.2012, p. 1): http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2012:136:0001:0040:en:PDF
  6. Sugar substitutes and their role in caries prevention, FDI World Dental Federation, September 2008