Cosa succede quando assumiamo educloranti ipocalorici?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Una nuova analisi spiega come sono metabolizzatii

Gli edulcoranti ipocalorici sono ben noti per il loro beneficio più importante: forniscono il sapore dolce agli alimenti e bevande con nessuna, o praticamente nessuna, caloria. Mentre questa caratteristica è comune a tutti i dolcificanti a basso contenuto calorico, sono sostanze diverse e, come tali, le differenze esistono nel modo in cui sono metabolizzati. Una nuova analisi, di Magnuson et al.1, pubblicata in Nutrition Reviews descrive il modo in cui il corpo umano gestisce questi dolcificanti.

Ma perché è importante? Perché chi si occupa di salute dovrebbe sapere cosa accade ai dolcificanti a basso contenuto calorico quando sono consumati? Magnuson e suoi co-autori spiegano: “ Comprendere il destino biologico dei diversi dolcificanti a zero/basse calorie è utile per valutare se le segnalazioni di effetti biologici negli studi sugli animali o sugli esseri umani sono indicativi di possibili problemi di sicurezza “. Queste informazioni possono essere utili agli operatori sanitari quando i pazienti hanno domande sulla sicurezza e utilità dei dolcificanti a basso contenuto calorico durante le consultazioni e a chi si occupa di ricerca per comprendere il metabolismo di questi ingredienti.

Nell’articolo che segue, abbiamo riassunto le informazioni presentate nella nuova analisi.

Preparazione: In che misura il metabolismo degli edulcoranti ipocalorici si inserisce rientra nelle valutazioni di sicurezza

Gli autori descrivono come, prima della approvazione regolamentare degli edulcoranti ipocalorici , sono condotti studi approfonditi per capire il loro destino biologico nel corpo (tossicocinetica). Questi studi includono studi sul loro assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione (ADME) dopo l’ingestione. Comprendere la tossicocinetica dei singoli dolcificanti a basso contenuto calorico è una precondizione per la loro sicurezza e successiva approvazione da parte delle autorità preposte alla sicurezza in tutto il mondo, tra cui Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) .

Comprendere il percorso metabolico dei dolcificanti individuali a basso contenuto calorico è la chiave per estrapolare i risultati degli studi preclinici di sicurezza condotti negli animali per la valutazione del rischio per l’uomo e l’istituzione di un’assunzione giornaliera accettabile (DGA). La DGA è un valore importante, ma spesso mal interpretato. È definito come la quantità di un additivo alimentare, espressa in base al peso corporeo, che può essere consumato tutti i giorni per tutta la vita senza rischi apprezzabili per la salute 2. La DGA non è una soglia tra sicurezza e non sicurezza; piuttosto, è un valore calcolato, che è molto, e nel caso dei dolcificanti a basso contenuto calorico, 100 volte inferiore rispetto al livello di effetto avverso non osservabile (NOAEL) negli studi modello sugli animale. L’impostazione dell’ADI a livello 100 volte inferiore al NOAEL negli studi sugli animali permette variazioni quali le differenze tra specie e popolazioni sensibili. Le autorità di regolamentazione nel mondo hanno utilizzato questo approccio per molti decenni, che ha dimostrato di essere assolutamente affidabile per la tutela della salute pubblica (Rulis e Levitt).

Come sono metabolizzati gli edulcoranti ipocalorici negli esseri umani?

L’analisi esamina il destino metabolico di cinque dei doclficianti ipocalori più usati: acesulfame-K, aspartame, saccarina, sucralosio e steviol glicosidi.

Gli autori notano che i cinque dolcificanti sono molto diversi nella loro struttura chimica, motivo per cui ognuno è metabolizzato in modo diverso. Detto questo, ci sono analogie su come alcuni dei dolcificanti sono trattati dal sistema digestivo umano .

  1. Saccarina, acesulfame-K (Ace-K), e sucralosio non subiscono la digestione nel tratto gastrointestinale dopo il consumo. Tutti vengono eliminati rapidamente dal corpo senza fenomeni di accumulo.
  2. L’aspartame e gli steviol- glicosidi (stevia) subiscono cambiamenti all’interno del tratto digestivo, e i prodotti ottenuti sono assorbiti. L’aspartame è completamente digerito nei suoi componenti, che si hanno nella dieta e quindi utilizzato dall’organismo nello stesso modo in cui utilizza gli stessi componenti presenti in altri alimenti. I glicosidi steviolici sono parzialmente digeriti dalla microflora dell’intestino in Stevia che è assorbita, metabolizzata dal fegato ed escreta nell’urina.

Tuttavia, per comprendere il quadro generale relativo al metabolismo di questi dolcificanti vuol dire capire di più.

Acesulfame-K (Ace-K) : Una volta ingerito, l’acesulfame potassio (Ace-K) è rapidamente e quasi completamente assorbito intatto nella circolazione sistemica e poi escreto, principalmente dai reni nelle urine. Non è metabolizzato negli esseri umani o negli animali. Fare click qui Per ulteriori informazioni su acesulfame-K.

Aspartame: L’aspartame è costituito da acido aspartico e fenilalanina, due amminoacidi utilizzati nella sintesi proteica. Una volta ingerito, è completamente scisso nel tratto gastrointestinale in questi aminoacidi e metanolo. Questi vengono poi assorbiti nel corpo esattamente come se derivassero da comuni alimenti come carne, pesce e uova, che sono fonti di proteine e dunque aminoacidi, e frutta o verdure che sono fonti di metanolo. La quantità di una qualsiasi di queste componenti dietetiche è irrisoria rispetto a quella consumata da altre fonti di cibo e bevande. Poiché l’aspartame viene digerito come gli altri prodotti alimentari, è calorico. Tuttavia, perché è così dolce è utilizzato in quantità molto piccole, e le calorie fornite sono trascurabili. Fare click qui

: Dall’85%-95% di saccarina ingerita è assorbita ed eliminata nelle urine, mentre il resto è escreto nelle feci. Saccarina non subisce nessuna digestione o altro cambiamento metabolico nel tratto gastrointestinale o assorbimento successivo. Fai clic qui Per ulteriori informazioni su saccarina.

: Dopo il consumo, la maggior parte del sucralosio non è assorbito ed escreto nelle feci. Una piccola quantità viene assorbita e non è metabolizzato per produrre energia. Circa il 2% di ciò che viene consumato viene metabolizzato in prodotti di alcun significato in termini di sicurezza, e dopo l’assorbimento non c’è nessuna scissione del sucralosio per energia. Fai clic qui per ulteriori informazioni su sucralosio.

glicosidi steviolici (stevia): l’estratto di foglie di Stevia è un dolcificante ipocalorico derivato dalla pianta della Stevia rebaudiana , che contiene uno o più composti di sapore dolce chiamati glicosidi steviolici. I glicosidi steviolici sono scarsamente assorbiti nel corpo e passano attraverso il tratto gastrointestinale superiore, tra cui lo stomaco e l’intestino tenue, completamente intatti. Una volta che i glicosidi raggiungono il colon, i batteri dell’intestino li idrolizzano in steviol. Lo Steviol viene poi assorbito nel flusso sanguigno e successivamente metabolizzato dal fegato in glicosidi steviolici e poi escreto intatto nelle urine. Fai clic qui per ulteriori informazioni su glicosidi steviolici.

Questa analisi sottolinea quanto si è capito su come noi metabolizziamo i dolcificanti ipocalorici più comuni sottolinea perché possiamo avere fiducia non solo nella loro sicurezza ma loro innocuità. Per citare gli autori: “ Poiché le LNCS [edulcoranti anullo/basso contenuto calorico] sono strumenti potenzialmente utili nella gestione del diabete e dell’eccessivo apporto calorico, è fondamentale utilizzare le conoscenze esistenti sull’assorbimento, metabolismo ed escrezione di questi composti per risolvere le controversie sul loro uso . In molti casi, i problemi di sicurezza sugli LNCS esistenti possono essere affrontati con una conoscenza di base delle differenze dei vari LNCS, il metabolismo delle LNCSs e la bassa esposizione sistemica a questi composti dopo la loro ingestione in alimenti “.

Per ulteriori informazioni su questa analisi di Magnuson et al. si prega di visitare Biblioteca scientifica nel sito dell’ISA o accedere al documento completo di cliccando qui .

La pubblicazione di questo documento è stata sostenuta con una sovvenzione non riservata del Consiglio di Controllo sulle calorie.

  1. Magnuson BA, Caracostas MC, Moore NH, Poulos SP, and Renwick AG. Biological fate of low calorie sweeteners. Nutrition Reviews 2016; 74 (11): 670-689
  2. International Programme on Chemical Safety. Principles for the Safety Assessment of Food Additives and Contaminants in Food. Geneva, Switzerland: World Health Organization; 1987. Environmental Health Criteria 70.