17° Congresso Internazionale di Dietetica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Organizzato ogni quattro anni, il 17 ° Congresso internazionale di dietetica (ICD 2016) si svolge quest’anno a Granada, Spagna, dal 10 settembre.

ISA riconosce il ruolo importante dei dietologi nel consigliare ed educare ad una dieta sana ed è orgogliosa di sostenere e partecipare alla ICD 2016 , un evento scientifico che riunisce dietologi da tutto il mondo.

Troverete ulteriori informazioni su questo Congresso e la partecipazione di ISA al 2016 ICD qui sotto.

Per leggere il comunicato stampa di ISA e ulteriori informazioni sulle presentazioni alla sessione “dolcezza senza calorie”: come possono i dolcificanti a basso contenuto calorico essere uno strumento utile nella pratica dietetica?”, fare click qui. Per i punti salienti di questa tavola rotonda, cliccare.

Ospitato quest’anno dalla fondazione spagnola di dietologi e nutrizionisti in collaborazione con il Consiglio generale dei dietologi-nutrizionisti di Spagna, ICD 2016 è un importante evento scientifico per i dietologi di tutto il mondo. Con quattro giorni di conferenze scientifiche, tavole rotonde, simposi e workshop dedicati alla dieta e a temi correlati alla nutrizione, già più di 1400 dietologi e altri professionisti della salute si sono registrati per partecipare al Congresso per uno scambio di esperienze professionali e opinioni scientifiche. È possibile scaricare il programma di ICD 2016 da cliccando qui .

il tema del 2016 ICD è “Verso una nutrizione sostenibile “. Il Congresso riguarderà nuove sfide per i dietologi e intende renderli consapevoli che con il loro lavoro quotidiano possono guidare le persone verso un’alimentazione sana e sostenibile e contribuire immensamente a lasciare in eredità un mondo migliore e un pianeta migliore per le generazioni future.

Coerentemente con il suo tema, il Comitato Organizzatore ha dichiarato l’ICD 2016 un Congresso privo di supporti cartacei e incoraggia tutti i partecipanti a seguire questa iniziativa e rendere l’evento sostenibile e rispettoso dell’ambiente. Per questo ambito, tutti i partecipanti sono incoraggiati a scaricare l’App ufficiale di “ICD GRANADA 2016”. Solo utilizzando la app ufficiale si potrà seguire il Congresso e avere pieno accesso a tutte le informazioni sul programma scientifico, sintesi, sintesi biografiche degli oratori, eventi sociali e le ultime notizie e comunicazioni. Per accedere a tutte le informazioni su questa App, come scaricarla e utilizzarla fare clic qui .

In occasione del 17 ° Congresso internazionale di dietetica, l’ISA è lieta di ospitare uno stand informativo e una tavola rotonda nell’ambito del programma principale giovedì, 8 settembre, ore 12.00-13:30, dal titolo “La dolcezza senza calorie: Come possono i dolcificanti a basso contenuto calorico essere uno strumento utile nella pratica dietetica”.

Unitevi a noial 17 ° Congresso Internazionale di dietologia (ICD 2016) a Granada, Spagna, per essere aggiornati sulle ultime ricerche sui benefici di dolcificanti a basso contenuto calorico e il loro uso nel diabete e per la perdita di peso.

ISA desidera invitare tutti i partecipanti a visitare il suo stand informazioni per discutere gli elementi relativi ai dolcificanti a basso contenuto calorico e ricevere il nuovo opuscolo ISA “Edulcoranti a basso contenuto calorico: ruolo e benefici”, nonché le schede ISA aggiornate con le più recenti evidenze scientifiche sui benefici degli edulcoranti ipocalorici.
Sulla base di forti evidenze scientifiche in studi umani, gli edulcoranti a basso contenuto calorico sono riconosciuti come uno strumento efficace nella gestione del peso. Quando utilizzato come parte di un programma di controllo del peso, cibi e bevande dolcificate e a basso contenuto calorico possono aiutare nella riduzione dell’apporto calorico mantenendo il gusto dolce dei cibi e delle bevande preferiti. Gli edulcoranti ipocalorici sono anche un utile alleato nella dieta delle persone con diabete, perché offrono una maggiore varietà e scelta e sapore dolce senza alterare i livelli di glucosio nel sangue e l’insulina.
Le vostre opinioni contano. Vi invitiamo a partecipare anche al nostro sondaggio. Basteranno 3 minuti. Saremmo molto interessati a saperne di più sui tuoi interessi scientifici e le tue opinioni sugli edulcoranti ipocalorici e ISA. Per ringraziarvi, i partecipanti che completeranno il nostro breve sondaggio parteciperanno all’estrazione di un tablet Apple iPad Air 2 16GB Wi-Fi solo.
Unisciti a noi al 17 ° Congresso Internazionale di Dietetica (ICD 2016) a Granada, Spagna, per rimanere informati sulle ultime ricerche sui benefici dei dolcificanti a basso contenuto calorico e il loro uso uso nel diabete e per la perdita di peso.
Simposio – Tavola Rotonda sponsorizzato da ISA, giovedì 8 settembre, 12 il Simposio – Tavola Rotonda “Dolcezza senza calorie: Come i dolcificanti a basso contenuto calorico possono essere uno strumento utile nella pratica dietetica” sarà presieduto da Aimilia Papakonstantinou, docente di nutrizione e metabolismo presso l’Università Agricola di Atene, Grecia e vedrà la presenza di Kees de Graaf, Presidente della divisione di nutrizione umana, professore in scienze sensoriali e comportamenti alimentari, Università di Wageningen, Paesi Bassi; Prof Anne Raben, dipartimento di nutrizione, esercizio fisico e sport, scienza, Università di Copenhagen, Danimarca; e Dr Caomhan Logue, docente di dietologia, Irlanda del nord centro per cibo e salute (NICHE), scuola scienze biomediche, Università dell’Ulster, Irlanda del Nord, UK.
i partecipanti a questo Simposio sponsorizzato da ISA avranno l’opportunità di conoscere le ultime ricerche sui dolcificanti a basso contenuto calorico e i loro benefici nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata, nonché di porre eventuali domande sull’uso di dolcificanti a basso contenuto calorico nella pratica dietetica durante la tavola rotonda, moderata da esperti di fama mondiale nel campo della Dietologia, del controllo dell’appetito, della gestione del peso corporeo e del diabete.
Si prega di Cliccare qui per visualizzare l’invito al Simposio Tavola Rotonda e avere ulteriori informazioni sul programma, sulle presentazioni e gli oratori. È anche possibile accedere tutte le informazioni relative al Simposio-Tavola Rotonda ISA dalla app ufficiale di “ICD GRANADA 2016”.
Il ruolo della dolcezza nella dieta; passato, presente e futuro Professor Kees (C) de Graaf, Presidente della divisione di nutrizione umana, professore in scienze sensoriali e comportamento alimentare, Università di Wageningen, Paesi Bassi.Il dolce non è sempre stato una parte importante della dieta umana. Nella dieta neolitica, il dolce era quasi assente. Fino al 1500 lo zucchero è stato considerato come una spezia nella dieta, come il pepe. Con l’imminente produzione di canna da zucchero in America, la produzione di zucchero e il suo consumo aumentarono, insieme all’introduzione di caffè, tè e bevande al cioccolato. Lo zucchero è diventato più conveniente attraverso l’introduzione della barbabietola da zucchero, e il consumo è aumentato considerevolmente dall’inizio della rivoluzione industriale, intorno al 1800, fino agli anni sessanta. Da allora il consumo di zucchero nei Paesi Bassi è stabile, e si attesta a circa 125 g/persona/giorno. Gli esseri umani nascono con una preferenza innata per la dolcezza; il declino del livello ottimale di zucchero diminuisce dalla nascita fino all’età adulta. Nei paesi industrializzati, la maggior parte dell’energia consumata proviene da cibi dolci e saporiti/salato. In varie recenti meta-analisi si è concluso che il consumo di bevande dolcificate con lo zucchero può contribuire alla prevalenza di obesità e del diabete di tipo 2. Tale evidenza non c’è per lo zucchero in forma solida. Una recente meta-analisi sul ruolo dei dolcificanti a basso consumo energetico (LES) nel controllo dell’appetito ha mostrato che i LES nelle bevande si comportano come l’acqua. Uno dei meccanismi dietro questo effetto può essere il fatto che le calorie liquide non sono ben percepiti come portatori di sazietà rispetto alle calorie solide. Una delle domande più interessanti cui rispondere è se i LES contribuirebbero anche a un peso inferiore/minore assunzione di energia se si sostituisse lo zucchero in cibi solidi. Una domanda importante per quanto riguarda le preferenze di dolcezza è se le preferenze per la dolcezza sono stabili o se cambiano dopo l’esposizione. Alcuni studi scientifici ed industriali suggeriscono che le preferenze di dolcezza possono cambiare a seconda del livello di esposizione, anche se uno studio recente ha suggerito una preferenza per il dolce stabile nonostante la minore esposizione al dolce. Una delle sfide scientifiche è quella di scoprire come l’esposizione al sapore dolce nella dieta può modificare le preferenze per la dolcezza.

Edulcoranti ipocalorici: effett su appetito e regolamentazione del peso Professoressa Anne Raben, dipartimento di nutrizione, esercizio fisico e sport, scienza, Università di Copenhagen.. Professoressa.Si è sostenuto che gli edulcoranti ipocalorici (LCS) aumentano l’appetito e quindi l’assunzione di cibo con aumento del peso corporeo (BW) a lungo termine. Questo è principalmente sulla base di alcuni studi di prova pasto acuti degli anni Ottanta. Tuttavia, parecchi studi di intervento condotti negli ultimi 25-30 anni hanno dimostrato che le LCS non stimolano l’appetito o aumentano il peso corporeo, come suggerito all’inizio. Meta-analisi complete degli ultimi anni sono praticamente tutte d’accordo sul fatto che l’uso di LCS può portare a peso relativamente ridotto, se confrontato con lo zucchero (1). Il modello è lo stesso per bambini e adulti, anche se ulteriori studi sono stati condotti negli adulti. Inoltre, esso ha dimostrato che la lipidemia, la glicemia, l’insulinemia e l’accumulo di grasso ectopico non aumentano, come accade con l’assunzione di saccarosio. Ultimamente, RCT hanno confrontato anche l’assunzione di LCS con acqua e cambiamenti del peso corporeo. Questo si basa sul presupposto che l’LCS aumenterebbe l’appetito e l’apporto energetico e quindi il peso, se sostituisse acqua. Interessante notare che uno studio recente su 303 individui in sovrappeso e obesi ha mostrato che dopo un’iniziale perdita di peso, chi riceveva acqua aveva mantenuto una perdita di peso di 2,5 kg dopo un programma di trattamento comportamentale di 1 anno, mentre chi riceveva bevande LCS ha mantenuto una perdita di 6,2 kg (P & gt; 0,001) (2). Le bevande LCS, in questo gruppo, risultavano quindi più efficaci per la perdita di peso e il suo mantenimento. Alcuni studi di coorte longitudinale hanno indicato un’associazione positiva tra assunzione di LCS e BMI, suggerendo che le LCS possono promuovere l’aumento di peso. Tuttavia, quando si interpretano i dati dagli studi di coorte, è importante ricordare che possono essere stabilite solo le associazioni e non le relazioni di causa ed effetto. Possono dunque emergere causalità inversa o il confondimento residuo, ed è dunque necessario prestare attenzione. Una recente analisi retrospettiva dei dati di 22.231 adulti (NHANES) ha mostrato che l’utilizzo di LCS è stato associato all’intenzione, dichiarata dai partecipanti, di perdere peso durante i precedenti 12 mesi (3). Questo sostiene l’ipotesi secondo la quale i soggetti in sovrappeso hanno maggiori probabilità di consumare prodotti LCS rispetto a soggetti di peso normale.

  1. Rogers et al. Int J Obes 2015.177; doi 10.1038
  2. Peters et al. L’obesità 2016; 24:297-304.
  3. Drewnowski & amp; Rehm. Nutr Diab 2016; 6 e202; doi 10.1038.

il ruolo di edulcoranti ipocalorici nelle epidemie di obesità e diabete, da una prospettiva di sanità pubblica Dr Caomhan Logue, Northern Ireland Centro per cibo e salute (di nicchia), Università di Ulster, Coleraine, Irlanda del Nord. Docente in dietologia.L’obesità e malattie correlate, tra cui il diabete di tipo 2, sono diventate le più gravi fonti di preoccupazione per la sanità pubblica, che risultano in ricadute importanti per i settori clinici, economici e sociali. (1,2) Molti sono i fattori che determinano l’incidenza dell’obesità e del diabete. Si è di conseguenza scelto un approccio multidisciplinare per fare fronte a questi problemi globale di pubblica. Le iniziative di sanità pubblica si sono concentrate su pratiche dietet che più sane e incoraggiando l’attività fisica, suggerendo altresì un approccio comune a questi problemi. (3) Una delle strategie suggerite è di rendere disponibili opzioni dietetiche sane ai consumatori con la riformulazione dei prodotti. (4,5) il consumo eccessivo di zuccheri liberi, specialmente da bevande edulcorate con zucchero, è coinvolto nello sviluppo di obesità e diabete di tipo 2. Perciò (6,7), studi recenti suggeriscono che l’assunzione di zuccheri liberi, idealmente, non dovrebbe superare il 5-10% dell’apporto energetico totale. (6,7) L’assunzione attuale stimata va da 7-7% negli adulti e da 12-25% nei bambini. (7) Ne risulta che potrebbe rivelarsi arduo il far accettare queste raccomandazioni. Una strategia per la riduzione globale dell’assunzione di zucchero libero può essere quella di sostituirlo con dolcificanti ipocalorici (LCS). Gli LCS forniscono un sapore dolce senza aumentare il contenuto energetico complessivo del prodotto. Per qualche tempo l’uso di LCS è stato oggetto di polemica. Tuttavia, seppur alcuni dati osservazionali (umani) e animali indicano un potenziale ruolo avverso degli LCS in termini di gestione del peso e/o di controllo glicemico, questi risultati non sono stati sostenuti da studi randomizzati controllati negli esseri umani che dimostrano che LCS può in effetti essere un utile strumento di gestione del peso. (8) Inoltre, è stato segnalato che il consumo di LCS è associato a diete più sane e stili di vita altrettanto sani. (9,10) Valutazioni poco affidabili delle assunzioni di LCS negli studi osservazionali possono spiegare alcuni degli scostamenti tra dati osservazionali e sperimentali. Come tale, ottenere dati più affidabili sull’assunzione, idealmente con un biomarcatore (11), offre una possibilità più obiettiva di superare i limiti inerenti ai set di dati esistenti. Di conseguenza, sulla base delle prove esistenti e le politiche di governo attuali, le LCS sembrano ben posizionate a svolgere un ruolo positivo nella lotta contro le epidemie di obesità e diabete, aiutando a ridurre il consumo di zucchero pur mantenendo l’appetibilità della dieta.

  1. WHO (2015) obesità e sovrappeso, Fact sheet n ° 311.
  2. WHO (2016) Global Report su diabete.
  3. libro bianco della Commissione europea (2007) : Una strategia per l’Europa su nutrizione, al sovrappeso e obesità correlati problemi di salute.
  4. riduzione dello zucchero sanità pubblica inglese (2015): Da prove in action.
  5. World Cancer Research Fund International (2015) frenare il consumo di zucchero globale.
  6. WHO Guideline (2015): L’assunzioni di zucchero per adulti e bambini.
  7. Comitato scientifico sulla nutrizione (2015) Carboidrati e salute.
  8. Peters J.C. & amp; Beck J (In stampa) p; Beck J (In stampa) Uso di edulcoranti a basso contenuto calorico (LCS) uso e bilancio energetico. Fisiologia e comportamento.
  9. Drewnowski & amp; Rehm (2014) consumo di edulcoranti ipocalorici tra U.S. Adulti è associato con i più alti punteggi di indice (HEI 2005) mangiare sano e più attività fisica. 6 nutrienti: 4389-4403.
  10. Gibson S A et al (2016) il basso contenuto calorico bevande consumo è associato con energia e le assunzioni nutrienti e qualità della dieta in adulti britannici. Nutrienti 8 (1): 9 doi: 10.3390 / nu8010009.
  11. Logue C et al (2015) A nuovo metodo per la determinazione simultanea di cinque edulcoranti ipocalorici in urina umana. Proceedings of the Nutrition Society 74 (OCE1): E72.
su Dr Aimilia PapakonstantinouAimilia Papakonstantinou è docente di nutrizione e metabolismo presso il dipartimento di scienza dell’alimentazione e nutrizione umana dell’Università agraria di Atene. Nei suoi quasi 10 anni di soggiorno negli U.S.A., dopo la laurea dal dipartimento degli alimenti e nutrizione presso l’Università della Georgia, e durante e dopo il completamento dei suoi studi universitari, ha lavorato come Graduate Research and Teaching Assistant fino al 2003 presso la stessa università. Al suo ritorno in Grecia ha ottenuto il dottorato di ricerca dal reparto di dietologia – nutrizione presso Harokopio University di Atene e ha lavorato presso il laboratorio di nutrizione e dietetica clinica come Research Associate fino al 2006. Dal 2006 fino al 2013 ha maturato una grande esperienza clinica e di ricerca, lavorando come dietista registrata presso il 2 ° Dipartimento di medicina interna, Istituto di ricerca e Diabetes Center, Università di Atene all’ospedale universitario Attikon. Nel 2013 fino ad oggi è membro della facoltà di Agraria dell’Università di Atene. Il suo interesse per la ricerca e la sua esperienza clinica nel trattamento alimentare e la prevenzione dell’obesità e del diabete le hanno permesso di diventare uno degli esperti in questo campo in Grecia. La sua ricerca è stata pubblicata in numerose riviste internazionali peer-reviewed, mentre ha partecipato a più di 100 riunioni/congressi nazionali ed internazionali come relatore. La sua ricerca analizza questioni che interessano la gestione dietetica dell’obesità e del diabete mellito e l’insulino-resistenza.

Prof Kees de GraafKees (C) de Graaf è un professore in scienze sensoriali e comportamenti alimentari e Presidente della divisione di nutrizione umana dell’Università di Wageningen, Paesi Bassi. La sua tesi di dottorato affrontava gli studi psico-fisici delle miscele di sostanze sapide. De Graaf ha pubblicato oltre 200 articoli su riviste scientifiche, per lo più sui determinanti psico-biologici del comportamento alimentare. L’attività didattica e di ricerca si concentra sul significato dei segnali sensoriali nei comportamenti alimentari e la regolazione dell’ingestione di cibo. La sua attenzione si concentra su diversi gruppi di persone (bambini, anziani, persone in sovrappeso), sugli effetti delle proprietà dei prodotti alimentari e sulla scelta e l’assunzione con l’uso di moderne tecniche di misurazione (ad es., MRI). Le linee di ricerca del suo gruppo di ricerca si concentrano su tre principali ambiti di ricerca 1) struttura dei cibi-elaborazione orale del cibo – percezione dinamico-sensoriale e segnali metabolici del comportamento alimentare, 2) impatto dei segnali sensoriali e metabolici sul mangiare comportamento e 3) la periferica fisiologia e neurobiologia di ricompensa e di sazietà.

su Prof Anne RabenAnne Raben (AR) è dottore di ricerca in nutrizione umana , Professore all’unità di ricerca di obesità e capo della Commissione di studio presso il dipartimento di nutrizione, esercizio fisico e sport (NEXS), scienza, Università di Copenhagen, Danimarca. AR ha più di 25 anni di esperienza in studi clinici di intervento nell’ambito dell’obesità e delle malattie correlate. I principali temi di ricerca sono stati i cambiamenti dietetici e farmaco-indotti per il peso corporeo, la regolazione dell’appetito, il dispendio energetico, i parametri metabolici e gli indicatori di rischio di CVD e T2D. In particolare, è stato studiato il ruolo dei carboidrati e macronutrienti diversi – tra cui zucchero, dolcificanti non calorici e l’indice glicemico. AR è attualmente coordinatore del progetto del grande progetto EU FP7 multinazionale “Anteprima”, prevenzione del diabete attraverso interventi sugli stili di vita e studi sulle popolazioni in Europa e nel mondo (www.Previewstudy.com). Il nucleo del progetto è uno studio clinico multicentrico di 3 anni su 2.500 bambini e adulti pre-diabetici in sovrappeso.

Dr CaomhaIl Logue è un docente di dietologia presso il centro dell’Irlanda del Nord per cibo e salute (NICHE), Università di Ulster, Irlanda del Nord. Caomhan si è laureato nel 2012 con BSc Hons in Dietetica e ha lavorato come dietologo clinico prima di completare il dottorato di ricerca in Ulster. Il dottorato di ricerca si è cpncentrato sullo studio della fattibilità approccio con biomarcatore per valutare le assunzioni di dolcificanti ipocalorici (LCS). In questo suo lavoro ha sviluppato un nuovo metodo analitico per la determinazione simultanea delle concentrazioni urinarie di cinque LCS di uso comune e i suoi attuali interessi di ricerca si concentrano sull’applicazione di questo nuovo approccio, che consente una valutazione più obiettiva della asunzione/esposizione agli LCS, per studiare il rapporto tra salute e LCS. Caomhan ha anche un forte interesse nella sanità pubblica e collabora strettamente con l’Healthy Living Centre Alliance (Irlanda del Nord), che offre una gamma di programmi per il miglioramento della salute e del benessere delle popolazioni locali che vivono nelle zone di alta deprivazione socio-economica.