Dichiarazione ISA a sostegno della Giornata Mondiale della Salute per fermare l’aumento dei casi di diabete

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Uno sforzo dolce per battere il diabete!

The World Health Organisation (WHO) ha scelto il diabete come il tema per la giornata mondiale della salute 2016, per aumentare la consapevolezza su come evitare il diabete e gestirlo in modo efficace senza complicazioni. In occasione della giornata mondiale della salute di quest’anno, l’OMS incoraggia le persone a concentrarsi sulla diagnosi precoce, sull’attività fisica e sul mangiare sano, perché questi sono i capisaldi della prevenzione del diabete. In questa ottica, gli edulcoranti ipocalorici possono diventare un dolce alleato per la prevenzione e la gestione del diabete, perché forniscono il sapore dolce desiderato senza alterare i livelli di glucosio nel sangue e i livelli di insulina.

Sconfiggiamo il diabete!

La gran parte dei casi di diabete sono evitabili o addirittura trattabile! Semplici cambiamenti di stile di vita, come come mantenere il peso corporeo normale, impegnarsi in attività fisica regolare – con almeno 30 minuti di attività moderata quasi tutti i giorni – e una dieta sana sono stati indicati come efficaci nel prevenire o ritardare l’insorgenza di diabete2 di tipo 2.

Una dieta sana dovrebbe includere più frutta e verdura , cereali integrali e pesce e meno carne, grassi saturi e zuccheri, che possono essere sostituiti con edulcoranti ipocalorici. Poiché gli edulcoranti ipocalorici non hanno alcun impatto sui livelli di glucosio nel sangue e di insulina, la loro importanza nelle diete delle persone con diabete è indiscussa. Gli edulcoranti ipocalorici offrono il piacere di cibi e bevande dolci senza le calorie, soprattutto, senza intaccare il controllo del glucosio3, come riconosciuto anche nella dichiarazione scientifica congiunta dell’American Heart Association (AHA) e l’American Diabetes Association (ADA) 4. Inoltre, nel 2011, a seguito della valutazione dell’autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) sulle prove raccolte sugli edulcoranti ipocalorici, la Commissione europea ha approvato la seguente dichiarazione sanitaria: “Il consumo di alimenti/bevande contenenti edulcoranti ipocalorici al posto dello zucchero induce un ridotto aumento di glucosio nel sangue dopo il loro consumo rispetto agli alimenti/bevande con zucchero ” 5.

Basta con l’aumento!

Il diabete è delle malattie non trasmissibili che coinvolge direttamente più di 350 milioni di persone nel mondo, per lo più in paesi a reddito basso e medio6. Questo numero probabilmente raddoppierà nei prossimi 20 anni, in gran parte da attribuire ai livelli, in aumento, di obesità e di inattività fisica7. In Europa, sulla base dei dati più recenti forniti dalla Federazione internazionale del diabete in 2015, si stima che 59,8 milioni persone tra i 20 e i 79 anni di età sono affetti da diabete.

Continuando a sostenere iniziative per fermare l’aumento del diabete, l’associazione internazionale dei dolcificanti (ISA) è orgogliosa di sostenere la giornata mondiale della salute, il 7 aprile. Si possono leggere ulteriori informazioni sulla Giornata Mondiale della Salute tramite questo collegamento e scoprire come gli edulcoranti ipocalorici possono aiutare i diabetici per mantenere la dolcezza nella loro vita attraverso ISA la scheda informativa ISA sul diabete.

  1. http://www.who.int/campaigns/world-health-day/2016/en/
  2. http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs312/en/
  3. American Diabetes Association. Nutrition principles and recommendations in diabetes. Diabetes Care (2004);27: S36-46
  4. Gardner C, et al. Nonnutritive sweeteners: current use and health perspectives: a scientific statement from the American Heart Association and the American Diabetes Association. Diabetes Care. (2012) Aug;35(8):1798-808
  5. EFSA Journal 2011;9(6):2229, EU Register on Nutrition & Health Claims
  6. http://www.who.int/topics/diabetes_mellitus/en/
  7. http://www.idf.org/wdd-index/
  8. IDF, Diabetes Atlas 7th edition 2015, http://www.diabetesatlas.org/resources/2015-atlas.html