Utilizzo cronico di edulcorante ipocalorico e rischio di obesità addominale in persone anziane: uno studio di coorte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Chia CW, Shardell M, Tanaka T, Liu DD, Gravenstein KS, Siminsick EM, Egan JM, Ferrucci L
Publication name: Plos One 2016 Nov 23;11(11):e0167241. doi: 10.1371/journal.pone.0167241
Publication year: 2016

Abstract

INTRODUZIONE: I dolcificanti a basso contenuto calorico per il controllo del peso sono sotto sempre maggiore osservazione perché l’obesità, soprattutto l’obesità addominale, rimanere la stessa nonostante il sostanziale uso di dolcificanti a basso contenuto calorico. Abbiamo valutato se l’uso di dolcificanti ipocalorici cronica è un fattore di rischio per l’obesità addominale.
PARTECIPANTI E METODI: abbiamo usato 8268 misure antropometriche e 3096 annotazioni da diario con informazioni dettagliate sul consumo di dolcificanti a basso contenuto calorico in tutti i prodotti alimentari, da 1454 partecipanti (741 uomini, 713 donne) nel Baltimore Longitudinal Study of Aging raccolti dal 1984 al 2012 con follow-up mediano di 10 anni (gamma: 0-28 anni). Al basale, 785 erano non erano utenti di dolcificante ipocalorici (51,7% uomini) e 669 partecipanti erano utenti di dolcificante a basso contenuto calorico (50,1% uomini). L’uso variabile nel tempo di dolcificanti ipocalorici è stato usato come percentuale di visite dal basale alla quale è stato segnalato il dolcificante a basso contenuto calorico. Abbiamo usato modelli strutturali marginali per determinare l’associazione tra l’uso variabile nel tempo di dolcificante ipocalorico con i risultati longitudinali in termini di massa corporea, circonferenza della vita, l’obesità e l’obesità addominale – con risultato valutato durante la visita a seguito di accertamento di dolcificante a basso contenuto calorico per ridurre al minimo il potenziale di causalità inversa. Tutti i modelli sono stati adeguati per anno di visita, età, sesso, età per interazione sessuale, tabagismo, assunzione alimentare (caffeina, fruttosio, proteine, carboidrati e grassi), attività fisica, stato di diabete, e punteggio degli Dietary Apporaches to Stop Hypertension come fattori di confondimento.
RISULTATI: con follow-up mediano di 10 anni, gli utenti di dolcificanti a basso contenuto calorico avevano 0.80 kg/m2 in più di indice di massa corporea (intervallo di confidenza di 95% [CI], 0.17-1,44), 2,6 cm in più di circonferenza della vita (CI di 95%, 0.71-4,39), 36,7% in più di prevalenza (rapporto di prevalenza = 1.37; 95% CI, 1.10-1,69) e 53% in più di incidenza (rapporto di rischio = 1,53; 95% CI 1.10-2.12) dell’obesità addominale rispetto ai non consumatori di dolcificanti a basso contenuto calorico.
CONCLUSIONI: L’uso di dolcificanti ipocalorici è associato indipendentemente con maggiore peso relativo, una vita più grande, e una maggiore prevalenza e incidenza di obesità addominale, suggerendo che l’uso di dolcificanti a basso contenuto calorico non può essere un mezzo efficace del controllo del peso.

Sintesi

Come riconoscono gli scienziati, gli studi d’osservazione, per loro natura, non possono dimostrare causa ed effetto. Su questa base, Chia et al. nei risultati dello in cui sostengono che le persone anziane che consumano gli edulcoranti ipocalorici hanno un BMI di 0, 8kg/m2 più alto e una circonferenza della vita maggiore, rispetto ai non consumatori, nonforniscono prove di questa correlazione.

Inoltre, per quanto riguarda la metodologia di studio, i due gruppi non sono comparabili alla linea di base, poiché gli utenti LCS avevano un BMI più e la circonferenza della vita maggiore quando sono stati reclutati per lo studio. Un punto chiave di questo studio non è solo se gli utenti di LCS sono sempre più pesanti alla linea di base (che è evidente e riconosciuto), ma se i soggetti che aumentano di peso tendono a rimanere o diventare consumatori di LCS. Questo tipo di causalità inversa non può essere affrontato in uno studio osservazionale (specialmente di una dimensione piccola, cioè 785 LCS-utenti contro 669 non utenti). Al contrario, gli studi umani clinici non supportano che gli edulcoranti ipocalorici possono causare aumento di peso. Ciò è coerente con il fatto che gli edulcoranti ipocalorici non hanno calorie per contribuire all’aumento di peso o lo sviluppo di grasso. Per ulteriori informazioni, leggere i commenti ISA facendo clic qui.

Vedi tutto il documento