Il consumo di bevande ipocaloriche è associato all’apporto energetico e nutritivo e alla qualità del regime negli adulti britannici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Gibson SA, Horgan GW, Francis LE, Gibson AA and Stephen AM
Publication name: Nutrients, 2016 Jan; 8(1): 9
Publication year: 2016

Abstract

Non è chiaro se il consumo di bevande a basso contenuto calorico (LCB) conduce a consumo compensativo dolci, riducendo così i benefici per la qualità del controllo del peso o della dieta. Questa analisi ha studiato le associazioni fra consumo di bevande e qualità di assunzione e la dieta di energia degli adulti nella dieta nazionale UK e Nutrition Survey (NDN) (2008-2011; n = 1590), classificate in: (a) non consumatori di bevande analcoliche (NC); (b) i consumatori LCB; (c) i consumatori di bevande zuccherate (SSB); o (d) consumatori di entrambe le bevande (BB), basato su annotazioni dietetiche di 4 giorni. Dati personali sul consumo di bevande in giorni diversi hanno valutato l’impatto sull’apporto energetico. I consumatori LCB e NC consumano meno energia e zuccheri non lettieri estrinseci rispetto ad altri gruppi. Le assunzioni del micronutriente e le scelte alimentari hanno suggerito una maggiore qualità dietetica in consumatori di NC/LCB rispetto ai consumatori SSB/BB. All’interno di individui in giorni diversi, il consumo di SSB, latte, succo e alcool tutta sono stati associati con apporto energetico aumentato, mentre LCB e tè, caffè o acqua sono stati associati con nessun cambiamento; l’apporto energetico è ridotto quando sostituito con bevande caloriche. I risultati indicano che i consumatori NC e LCB tendono ad avere diete di qualità superiore rispetto ai consumatori SSB o BB e non per compensare i deficit di zucchero o di energia attraverso il consumo di altri alimenti zuccherati.

Sintesi

Lo studio di Gibson et al. ha concluso che i consumatori di bevande dietetiche aveva statisticamente una migliore qualità della dieta, simile ai non consumatori, rispetto ai consumatori di bevande addolcite con zucchero (SSB). Per studiare queste associazioni, Gibson et al. hanno usato dati di 1590 partecipanti della UK National Diet and Nutrition Survey (NDN) per capire se le persone che consumano bevande zuccherate a basso contenuto calorico zuccherato (LCB) tendono a seguire diete più sane e hanno minore energia, grassi saturi e assunzione di zuccheri, non solo rispetto agli individui che preferiscono SSB, ma anche rispetto a chi non consumare alcun i tipo di bevanda (non consumatori) o quelli che consumano di entrambi i tipi di bevande.

In particolare, i consumatori LCB hanno avuto un’assunzione di energia totale media identica (1719 kcal / giorno) come i non consumatori (1718 kcal/giorno) e un apporto di energia significativamente più basso rispetto ai consumatori di SSB (1958 kcal/giorno) e i consumatori di entrambi i tipi di bevande (1986 kcal/giorno). I consumatori di LCB avevano più probabilità di essere obesi e hanno un più alto BMI medio, tuttavia l’osservazione contro-intuitivo che gli utenti LCB hanno più probabilità di essere in sovrappeso un apporto energetico più basso segnalato rispetto agli utenti non è attribuibile alla causalità inversa (le persone in sovrappeso usano bevande dietetiche per ridurre l’apporto energetico).

Vedi tutto il documento