Richiesta dell’EFSA di dati aggiuntivi sui dolcificanti con poche/senza calorie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

L’ISA commenta la nuova richiesta di dati dell’EFSA

Bruxelles, 1° luglio 2021: Oggi l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha pubblicato una richiesta aperta di ulteriori dati sulla sicurezza dei dolcificanti con poche/senza calorie1, nell’ambito del suo continuo processo di rivalutazione di tutti gli additivi alimentari autorizzati per l’uso nell’UE prima del gennaio 2009 richiesto dalla Commissione Europea.

I dolcificanti con poche/senza calorie sono tra gli ingredienti più approfonditamente studiati al mondo e sono stati sottoposti a rigorose valutazioni di sicurezza da parte delle agenzie per la sicurezza alimentare di tutto il mondo compresi l’EFSA e il Comitato congiunto di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) e dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS).

Gli esperti dell’EFSA stanno conducendo una nuova valutazione di tutta l’evidenza scientifica disponibile per aggiornare i pareri scientifici esistenti sulla sicurezza degli edulcoranti. Fin dalle prime richieste di dati sui dolcificanti nel 2017, l’ISA e i suoi membri hanno apportato dati sulla sicurezza dei dolcificanti per la revisione e l’analisi da parte dell’EFSA. L’ISA si impegna a continuare a collaborare con l’EFSA e attende la pubblicazione delle conclusioni scientifiche dell’EFSA.

In un momento in cui l’obesità e le malattie non trasmissibili, tra cui il diabete e le malattie dentali, rimangono le principali sfide per la sanità di tutto il mondo, e alla luce delle attuali raccomandazioni di salute pubblica per ridurre l’assunzione complessiva di zuccheri, i dolcificanti con poche/senza calorie possono essere utili per creare ambienti alimentari più sani, fornendo alle persone un’ampia scelta di opzioni dal sapore dolce con poche o senza calorie.