Gli edulcoranti ipocalorici possono avere un ruolo decisivo nella riduzione dello zucchero e nella riformulazione del regime alimentare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Punti salienti da Sugar Reduction Summit , Londra, 22 settembre 2016

Il Summit per la Riduzione dello Zucchero ha avuto luogo per il terzo anno consecutivo a Londra il 22 settembre e hanno partecipato più di 150 responsabili politici, esperti di salute pubblica, i rappresentanti dell’industria, scienziati e professionisti della salute. Con un mix unico di stakeholder, quest’anno che il vertice per la riduzione dello zucchero ha previsto un’interessante sessione che si proponeva di esaminare il ruolo degli edulcoranti ipocalorici nella riduzione dello zucchero.

Con la partecipazione del Prof Peter Rogers (Università di Bristol), Prof Alison Gallagher (Ulster University), Dr Charlotte Hardman (Università di Liverpool) e Dr Kavita Karnik (Tate & amp; Lyle), gli oratori hanno parlato di una vasta gamma di argomenti, tra cui le ultime ricerche sui benefici degli edulcoranti ipocalorici sul peso corporeo, le percezioni e gli atteggiamenti dei consumatori, loro ruolo in una prospettiva di sanità pubblica, e le sfide che l’industria alimentare affronta nella riformulazione del cibo e la riduzione dello zucchero riduzione.

Gli edulcoranti ipocalorici sono utili nella gestione del peso? Una rassegna sistematica delle prove

Apertura della sessione, Prof Peter Rogers , professore di psicologia biologica presso la University of Bristol (UK) ha presentato prove a sostegno del ruolo degli edulcoranti ipocalorici nella gestione del peso, sulla base dei suoi recenti lavori scientifici, che comprendono una revisione sistematica e una meta-analisi che esplorano gli effetti del consumo dei dolcificanti ipocalorici sull’assunzione di energia e sul peso.. In questo studio, Rogers et al. hanno analizzato i dati disponibili da 90 studi sugli animali, 12 studi di coorte prospettici, 129 confronti in studi sperimentali a breve termine e di 9 RCT a lungo termine e ha concluso che “in generale, l’equilibrio delle prove indica chiaramente che il consumo di edulcoranti ipocalorici al posto dello zucchero, in bambini e adulti, porta ad una ridotta assunzione di energia e a minor peso corporeo e possibilmente anche rispetto all’acqua “.