ISA rifiuta le affemrazioni contenute nello studio Suez et al.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Bruxelles, 10 ottobre 2014: ISA trova molto discutibili le ipotesi dello studio di Suez et al. altamente discutibile. Contrariamente al titolo dell’articolo, questi studi non confermano le conclusioni sul consumo di alimenti con poche calorie zuccherata e bevande e un rischio maggiore di obesità o diabete .

L’applicazione dei risultati nello studio degli edulcoranti ipocalorici aspartame, il sucralosio e la saccarina, travisano il lavoro effettivamente svolto. Questi 3 edulcoranti sono chimicamente molto diversi e il loro comportamento fisiologico è distinto; non possono pertanto avere scientificamentegli stessi effetti metabolici. Come ha sottolineato il professor Gérard Pascal , membro regolare dell Comitato Congiuto FAO/OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) ed ex presidente del comitato scientifico della Commissione europea:

 L’ipotesi degli autori è che la maggior parte dei dolcificanti non sono digeriti e incontrano i microbioti dell’intestino. Ma questo, ad esempio, è falso nel caso dell’aspartame. Nell’intestino, la molecola di aspartame si divide in due aminoacidi (acido aspartico e la fenilalanina) e metanolo. Gli aminoacidi sono poi metabolizzati nel corpo e non alterano il microbiota intestinale. 

Inoltre, i ricercatori hanno somministrato saccarina a sole 7 persone. Il tasso di zucchero nel sangue è aumentato in 4 casi e diminuito leggermente in 3 casi. La dimensione molto bassa de campione rende questo studio un lavoro esplorativo, che avrebbe dovuto essere effettuato su un gruppo molto più grande di partecipanti sostegno di qualsiasi conclusione.

Inoltre, le osservazioni sollevate nello studio sono molto sorprendenti perché contraddicono numerosi recenti studi peer-reviewed 2-15 che confermano che il consumo di edulcoranti ipocalorici non comporta la secrezione dell’insulina o una maggiore glicemia . Gli autori di questo documento, inoltre, non sono riusciti a prendere in considerazione i numerosi studi peer-reviewed, che indicano che fornendo dolcezza senza calorie, i dolcificanti a basso contenuto calorico possono aiutare nella gestione del peso ed essere usati da persone con diabete.

Come affermato dal Professor Marc Fantino , medico e ricercatore in fisiologia umana : “ E’ un dato di fatto che il principale fattore di rischio per il diabete di tipo 2 è uno squilibrio tra assunzione di calorie e dispendio calorico con conseguente aumento di peso. I risultati di molti studi recenti mostrano che sostituendo gli zuccheri semplici con edulcoranti intensi in alimenti e bevande si può effettivamente ridurre l’apporto calorico e portare a perdita di peso.  2-4

C’è un vasto corpo di prove scientifiche che dimostra chiaramente che gli edulcoranti ipocalorici non sono associati ad un rischio aumentato di obesità e diabete come non hanno un effetto sull’appetito, i livelli del glucosio nel sangue o aumento di peso. Bevande e cibi a basso contenuto calorico danno un utile contributo per una dieta sane ed equilibrata.

  1. Artificial sweeteners induce glucose intolerance by altering the gutmicrobiota, Suez et al., doi:10.1038/nature13793.
  2. The effects of water and non-nutritive sweetened beverages on weight loss during a 12-week weight loss treatment program, Peters JC et al. (2014), Obesity, 22(6), 1415-21.
  3. Low-calorie sweeteners and body weight and composition: a meta-analysis of randomized controlled trials and prospective cohort studies, Perez PE, Miller V (2014), Am J Clin Nutr,100(30):765-77.
  4. Low/No calorie sweetened beverage consumption in the National Weight Control Registry, Catenacci VA et al. (2014), Obesity, 22(10):2244-51.
  5. Non-nutritive sweeteners: no class effect on the glycaemic or appetite responses to ingested glucose, Bryant CE et al. (2014), Eur J Clin Nutr. 2014. doi:10.1038/ejcn.2014.19.
  6. The role of the low-calorie sweeteners in diabetes, Johnston CA et al. (2013), US Endocrinology, 9(1):13–5.
  7. Nonnutritive sweeteners: current use and health perspectives. A scientific statement from the AHA and the ADA, Gardner C et al. (2012), Diabetes Care, 35(8):1798-808.
  8. Replacing caloric beverages with water or diet beverages for weight loss in adults: main results of the Choose Healthy Options Consciously Everyday (CHOICE) randomized clinical trial, Tate et al., Am J Clin Nutr 95:555-63.
  9. Effects of oral ingestion of sucralose on gut hormone response and appetite in healthy normal-weight subjects, Ford HE et al. (2011), Eur J Clin Nutr, 65(4):508-13.
  10. Effects of stevia, aspartame, and sucrose on food intake, satiety, and postprandial glucose and insulin levels, Anton SD et al. (2011), Appetite, 55(1):37-43.
  11. Effect of the artificial sweetener, sucralose, on small intestinal glucose absorption in healthy human subject, Ma J et al. (2010), Br J Nutr 2010, 104(6):803-6.
  12. Sweet-taste receptors, low-energy sweeteners, glucose absorption and insulin release, Renwick AG and Molinary SV. (2010), British Journal of Nutrition. 2010. doi:10.1017/S0007114519992540.
  13. A review of the effectiveness of aspartame in helping with weight control, de la Hunty A et al. (2006), Nutrition Bulletin 2006:31:115-28.
  14. Functional magnetic resonance imaging of human hypothalamic responses to sweet taste and calories, Smeets PA et al. (2005), Am J CLin Nutr, 82(5):1011-6.
  15. The effect of aspartame as part of a multidisciplinary weight-control program on short- and long-term control of body weight, Blackburn et al. (1997), Am J Clin Nutr, 65:409-18