I maggiori esperti internazionali spiegano il nostro desiderio del gusto dolce nel corso del Congresso Europeo sull’Obesità 2015

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Bruxelles 30 aprile 2015: Il nostro desiderio di dolcezza è qualcosa che condividiamo universalmente ed ha affascinato gli scienziati e gli esperti di salute per decenni. Il risultato è stato un numero enorme di studi scientifici sull’argomento, che valutano l’impatto dei fattori interni ed esterni sui nostri comportamenti di consumo di prodotti dolci. Questi studi sono molto importanti nel valutare il nostro desiderio di edulcoranti ipocalorici, il nostro desiderio di consumarne e per una migliore comprensione del loro impatto sulla nostra assunzione di prodotti dolci, sull’appetito, la sazietà e la gestione del peso, soprattutto nel contesto dell’aumento di malattie non trasmissibili, come l’obesità e le relative criticità sanitarie.

In occasione del 22 ° Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno, l’associazione internazionale dei dolcificanti (ISA) ospiterà una sessione su “La dolcezza nella vita quotidiana: una revisione scientifica del nostro appetito per il sapore dolce e l’effetto sulla gestione del peso” – guidata da esperti internazionali nei campi della scienza e della nutrizione. Toccando sul tema attualissimo della gestione del sapore dolce nella nostra vita quotidiana, presenteranno gli ultimi risultati di casi di studio e ricerca sul gusto dolce, comportamenti nell’assunzione di cibo e appetito per i prodotti dolciari, l’impatto sul peso corporeo, e il ruolo dei dolcificanti a basso contenuto calorico.

“L’evolution ha plasmato la risposta umana al gusto dolce. Così, la simpatia per gli alimenti e le bevande dolci riflette la biologia di base dell’organismo”, conferma il Dr. France Bellisle, dalla Université Paris 13, Francia e Université Laval, Québec, Canada, in una recente revisione della letteratura scientifica. “La simpatia per la dolcezza diminuisce con la crescita e si stabilizza nei giovani adulti, sotto l’influenza combinata di cultura, e l’esperienza personale con gli alimenti e fattori genetici” aggiunge .

Presieduto da Dr Graham Finlayson , l’Università di Leeds (UK) e guidato da Dr France Bellisle, Prof Hely Tuorila (Università di Helsinki, Finlandia) e Dr Graham Finlayson , questo Simposio porterà una nuova prospettiva sul nostro desiderio di dolcezza :

  • Dr France Bellisle affronterà l’appetito umano per la dolcezza dalla nascita all’età adulta, esaminando aspetti sensoriali e comportamentali, con unattenzione particolare sull’impatto degli edulcoranti ipocalorici sulla risposta dei consumatori alla dolcezza;
  • Prof Hely Tuorila affronterà l’aspetto metabolico dell’impatto sensoriale della dolcezza e presentarà esclusivamente i suoi ultimi risultati di uno studio attualmente essere svolto su popolazioni finlandesi e inglesi di gemelli sulle risposte alla dolcezza;
  • Dr Graham Finlayson toccherà l’impatto edonico della dolcezza su appetito, appetibilità e assunzione di cibo assunzione.

La piena copertura del simposio sarà disponibile sul nostro sito Web. Informazioni sul programma e oratori qui .

Si può anche seguire e partecipare al dibattito live su Twitter venerdì 8 maggio dalle 13.15 CET seguendo @SweetenersAndU e utilizzando #ISAatECO.

ECO

ECO è il congress ufficale annual della Associazione Europea per lo Studio dell’Obesità (EASO) e attrae ogni anno più di 2000 partecipanti da 75 paesi, ricercatori e specialist della salute nel campo della obesità e delle condizioni ad essa correlate. Questo congress sarà l’opportunità per discutere e condividere informazioni su punti fondamentali e sulle ultime ricerche relative all’obesità.