Gli edulcoranti ipocalorici non influenzano l’appetito e possono costituire uno strumento efficace per la riduzione dell’apporto energetico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

La risposta ISA allo studio di Wang et al.

ISA respinge con forza le affermazioni fatte nello studio di Wang et al. pubblicato Cellular Metabolism. C’è una grande quantità di prove scientifiche desunte da studi umani che dimostrano chiaramente che i dolcificanti ipocalorici non sono associati ad un aumento dell’appetito e non hanno ricadute sull’assunzione di energia o di cibo. Come mostrato da molte sperimentazioni di peer-reviewed randomizzati e controllati (RCT), il gold standard nella ricerca sulla nutrizione umana, dando dolcezza senza le calorie, i dolcificanti a basso contenuto calorico possono essere uno strumento efficace nella gestione del peso, e possono aiutare nella gestionedell’apporto calorico. Inoltre, revisioni sistematiche e meta-analisi di recente pubblicazione, hanno concluso che la sintesi delle prove indica che in realtà l’uso di edulcoranti ipocalorici in cibi e bevande porta ad assunzione di energia ridottae alla riduzione del peso.

Si legga la dettagliata risposta allo studio di Wang et al. di ISA nella nostra sezione di ricerca & amp; Sezione di ricerca fare clic qui.

  1. Rogers PJ, Hogenkamp PS, de Graaf K, et al. Does low-energy sweetener consumption affect energy intake and body weight? A systematic review, including meta-analyses, of the evidence from human and animal studies. Int J Obes 2016; 40(3): 381-94
  2. Bellisle F. Intense Sweeteners, Appetite for the Sweet Taste, and Relationship to Weight Management. Curr Obes Rep 2015; 4(1): 106-110
  3. Miller, P.E., Perez, V. Low-calorie sweeteners and body weight and composition: a meta-analysis of randomized controlled trials and prospective cohort studies, Am J Clin Nutr, 2014; 100: 765-777