Consumare edulcoranti ipocalorici e senza calorie – vuno strumento sicuro e utile per la gestione del peso e dei rischi di salutew associati, dicono importanti scienziati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Oratore ospite, Professor Dr. Adam Drewnowski , centro per la nutrizione di sanità pubblica dell’Università di Washington a Seattle, ha sottolineato “ inserire nella dieta dolcificanti a calorie basse/nulle aiuta a controllare il peso. Inoltre vari studi di laboratorio hanno indicato coerentemente che LNCS non sovra-stimolano i recettori del gusto, non attivano la fame e non inducono a mangiare troppo.”

Ha aggiunto” anche se anche se non è stato possibile dimostrare la causalità, l’analisi di dati provenienti da studi osservazionali su larga scala e interventi clinici fatti negli Stati Uniti ha permesso di identificare alcune tendenze socio-economiche legate al consumo di bevande con basso o nessun contenuto calorico edulcoranti “.

Secondo questi studi osservazionali, persone che consumano alimenti e bevande che contengono LNCS spesso sono altamente istruiti e” è comune per loro di avere uno stile di vita sano, con adeguate abitudini dietetiche ed esercizio fisico “.

Valutazione dell’EFSA ha confermato la sicurezza di LNCS

Professor Dr. Arturo Anadón , dipartimento di tossicologia e farmacologia della scuola veterinaria della Universidad Complutense, ha sottolineato anche la sicurezza degli LNCS, dicendo ” attualmente gli edulcoranti a basso e nessun contenuto calorico edulcoranti sono valutati e approvati dall’autorità europea per la sicurezza alimentare. I composti che li compongono si trovano naturalmente in altri tipi di alimenti come frutta e verdura, ed è stato dimostrato che l’utilizzo nelle quantità giornaliere raccomandate non rappresenta alcun rischio per lo sviluppo di malattie “.

Oltre a sostenere la riduzione e il mantenimento del peso e essere uno strumento utile nella gestione delle malattie non trasmissibili come il diabete mellito, gli studi dimostrano che non esiste alcuna associazione tra il consumo di LNCS e un’aumentata incidenza di altre malattie, come il cancro.

Il Professor Carlo la Vecchia , del dipartimento di epidemiologia dell’Istituto di ricerca farmacologica Mario Negri a Milano, ha sottolineato nella sua presentazione che, ” recenti studi condotti in Italia confrontando pazienti con diversi tipi di cancro con i pazienti sani, hanno dimostrato che non esiste prova epidemiologica sufficiente a suggerire un collegamento tra il consumo di saccarina, l’aspartame o altri dolcificanti e il rischio di soffrire dei più comuni neoplasmi “.

ulteriori informazioni sugli esperti scientifici

Prof. Dr. Arturo Anadón : Professore e capo del dipartimento di farmacologia e tossicologia, Università Complutense di Madrid. Master in Nozioni fondamentali di farmacologia, facoltà di medicina, Università Complutense di Madrid (Spagna). Visiting Scientist, dipartimento patologia animale, scuola nazionale di veterinaria, Tolosa, Francia. Istituto di ricerca IRI Fellowship, Stati Uniti d’America. Medical Research Council, Londra, Regno Unito Visiting Research Fellow. Dipartimenti di fisiologia applicata e scienza chirurgica e farmacologia, Royal College of Surgeons of England, Londra, Regno Unito Colleghi Real Colegio Complutense all’Università di Harvard (USA). Membro del gruppo consultivo di esperti sulla sicurezza alimentare presso l’organizzazione mondiale della sanità, Ginevra, Svizzera. Membro del comitato JECFA.Membro del comitato JECFA. Membro del gruppo sicurezza alimentare europea sui materiali a contatto con alimenti, enzimi, aromatizzanti e coadiuvanti. Parma (Italia). Esperto dell’EMA, l’EFSA, organizzazione degli Stati americani, International Atomic Energy Agency. Membro della Reale Accademia dei medici della Spagna. Membro corrispondente dell’Accademia nazionale reale della farmacia. Egli è autore o co-autore di oltre 200 articoli peer-reviewed di ricerca e 100 capitoli di libri. Membro del comitato editoriale di diverse riviste.

Prof. Dr. Adam Drewnowski : Dr. Adam Drewnowski è il direttore del Center for Public Health Nutrition e professore di epidemiologia presso la School of Public Health, University of Washington. È Adjunct Professor di medicina e il direttore del centro per la ricerca di obesità.
Dr UW. Drewnowski ha ottenuto la laurea in biochimica da Balliol College, Oxford e PhD in psicologia presso la Rockefeller University di New York. È stato docente in facoltà presso la Rockefeller University e alla University of Michigan prima di entrare all’Università di Washington. Suoi studi affrontare le disparità socio-economiche in obesità e diabete e il prezzo di cibi sani. Dr. Drewnowski ha sviluppato nuovi metodi GIS/GPS per mappare la geografia dell’obesità e del diabete a livello di quartiere. La sua ricerca attuale si concentra sullo sviluppo di metriche valoriali per individuare gli alimenti che sono accessibili, a costi equi, sostenibili e ricchi di sostanze nutritive. Autore della profilatura di modelli di nutrienti Nutrient Rich Foods per la valutazione degli alimenti sulla base delle loro qualità nutrizionali. Dr. Drewnowski ha lavorato nel comitato permanente dell’Istituto di medicina per la prevenzione dell’obesità infantile e sta attualmente lavorando sulla densità dei nutrienti della dieta in relazione alle emissioni di gas serra; classifica gli alimenti dal loro valore nutrizionale il dispendio di carbonio stimato.

Carlo La Vecchia Dr. La Vecchia ha ricevuto la laurea in medicina dall’Università di Milano e un master of science degree in epidemiologia clinica dell’Università di Oxford. Riconosciuto in tutto il mondo come una delle principali autorità nel cancro eziologia ed epidemiologia. Attualmente è professore di epidemiologia presso la scuola di medicina presso l’Università di Milano. Dr. La Vecchia serve come editor per numerose riviste cliniche ed epidemiologiche. E’ tra gli epidemiologi più rinomati e produttivi nel settore con oltre 1,790 documenti revisionati in letteratura ed è tra la ricerca medica più più citata al mondo, secondo ISIHighlyCited.com, lo sviluppatore e publisher di Science Citation Index. Dr. La Vecchia è un professore di medicina presso Vanderbilt Medical Center e la Vanderbilt-Ingram Cancer Center e dell’epidemiologia all’Università di Losanna. Dr. La Vecchia è un consulente temporaneo presso l’organizzazione mondiale della sanità e giornalista giornalista registrato a Milano. È stato professore associato di epidemiologia presso la Harvard School of Public Health fra 1996 e 2001, ed è stato Senior Research Fellow presso l’interesse includono epidemiologia del cancro e il rischio legato alla dieta, tabacco, uso di contraccettivi orali e l’esposizione professionale o ambientale di sostanze tossiche e l’analisi dei trend temporali e la distribuzione geografica della mortalità da cancro, malattie cardiovascolari, perinatale e altri selezionati condizioni.