Non esistono prove a supporto degli effetti negativi dei dolcificanti ipocalorici sull’obesità o sul diabete nell’uomo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Dichiarazione ISA in risposta allo studio condotto da Hoffmann et al. presentato nell’ambito del convegno di Biologia sperimentale 2018

Lo studio curato da Hoffmann et al.1 sugli effetti biochimici del glucosio e dei dolcificanti ipocalorici nelle cellule (in-vitro) e gli esperimenti effettuati su animali, presentato nell’ambito del convegno di Biologia sperimentale 2018 e in un comunicato stampa il 22 aprile 2018, non fornisce alcuna prova sugli eventuali effetti negativi dei dolcificanti ipocalorici sull’obesità o sul diabete nell’uomo.

Negli studi condotti su soggetti umani non sono mai stati osservati né confermati i risultati segnalati in questo studio sperimentale. Inoltre, in tali esperimenti la concentrazione di dolcificanti ipocalorici a cui sono state esposte le cellule è talmente elevata da non essere riscontrabile in condizioni reali. Pertanto, non forniscono alcuna prova in relazione agli effetti clinicamente significativi legati all’uso dei dolcificanti ipocalorici nella gestione del peso corporeo o del controllo del glucosio. Nel complesso, data la scarsità di informazioni sulla metodologia e sugli esiti di tale studio e, fatto ancora più importante, data la mancata pubblicazione del medesimo in una rivista a revisione paritaria e, pertanto, non sottoposto a verifica a cura di altri esperti a tutt’oggi, è di capitale importanza scientifica riesaminare e interpretare con cautela gli effetti segnalati nell’abstract disponibile.

Per contro, numerosi trial clinici nell’uomo dimostrano puntualmente che i dolcificanti ipocalorici possono contribuire a ridurre l’apporto calorico e, di conseguenza, il peso corporeo se utilizzati al posto dello zucchero nell’ambito di un’alimentazione a calorie controllate e che i medesimi non incidono sull’omeostasi del glucosio nel sangue.2,3,4,5,6,7,8

Contrariamente a quanto affermato nello studio curato da Hoffmann et al., i dolcificanti ipocalorici possono anche rappresentare un contributo significativo per i diabetici dato che non influiscono sul controllo del glucosio nel sangue7,8. Degli effetti benefici dei dolcificanti ipocalorici sulla glicemia postprandiale si dà atto anche in un’indicazione sulla salute autorizzata in Europa, a seguito dell’opinione scientifica espressa dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA)6: “Il consumo di alimenti contenenti edulcoranti ipocalorici al posto dello zucchero induce un minor aumento di glucosio nel sangue dopo il loro consumo rispetto agli alimenti contenenti zucchero”.

Come viene largamente riconosciuto anche dalla comunità scientifica, è di importanza cruciale prendere in considerazione l’intera serie di prove nell’esaminare nuovi studi i cui esiti non debbono soppiantare i risultati degli studi di intervento sull’uomo ben articolati e controllati. Sulla base di abbondanti ricerche ben congegnate, tutti i dolcificanti ipocalorici approvati ivi compresi l’aspartame e l’acesulfame K possono contribuire a ridurre l’apporto calorico e l’assunzione di zuccheri e non influiscono sui livelli di glucosio nel sangue. Inoltre i dolcificanti ipocalorici non sono cariogeni e agevolano la salute dentale in quanto non vanno soggetti a fermentazione da parte dei batteri orali.6

  1. Brian Hoffmann, George Ronan, Dhanush Haspula, ‘The Influence of Sugar and Artificial Sweeteners on Vascular Health during the Onset and Progression of Diabetes’ (abstract), https://plan.core-apps.com/eb2018/event/3063c8bbfcff839c30a0263ac784eb7f
  2. Peters, J. C., & Beck, J. Low Calorie Sweetener (LCS) use and energy balance. Physiology & behavior, 2016; 164: 524-528
  3. Rogers PJ. et al. Does low-energy sweetener consumption affect energy intake and body weight? A systematic review, including meta-analyses, of the evidence from human and animal studies. Int J Obes, 2016; 40(3): 381-94.
  4. Miller, P. E., & Perez, V. Low-calorie sweeteners and body weight and composition: a meta-analysis of randomized controlled trials and prospective cohort studies. Am J Clin Nutr 2014; 100(3): 765-777
  5. Tucker, R. M., & Tan, S. Y.. Do non-nutritive sweeteners influence acute glucose homeostasis in humans? A systematic review. Physiol Behav 2017; 182: 17-26
  6. EFSA Scientific opinion on the substantiation of health claims related to intense sweeteners. EFSA 2011 Journal 9: 2229
  7. American Diabetes Association (ADA). 4. Lifestyle management: Standards of Medical Care in Diabetes – 2018. Diabetes Care 2018; 41(Suppl 1): S38-S50
  8. Dyson, P. A., Twenefour, D., Breen, C., Duncan, A., Elvin, E., Goff, L., . . . Watson, K.. Diabetes UK evidence-based nutrition guidelines for the prevention and management of diabetes (2018). Diabet Med. 2018 May;35(5):541-547.