Gli edulcoranti ipocalorici sono più utilizzati da persone in regime alimentare come strategia per una gestione di successo del peso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Chi prova a predere peso cerca sempre gli strumenti dietetici più efficaci perché i propri sforzi siano ricompensati, perché la perdita di peso può essere un impegno importante. In altre parole, lo studio conferma ciò che è stato ipotizzato per anni, ossia che chi era destabilizzato dalla gestione del peso si rivolgeva all’LCS quale strategia per il controllo del peso, piuttosto che il contrario. Come spiegato dagli autori, questo è un tipico esempio di causalità inversa.

L’uso di dolcificanti a basso contenuto calorico è collegato alla volontà di perdere e mantenere il peso corporeo, dimostra il nuovo studio

Il nuovo studio di Drewnowski e Rehm ha unito i dati relativi all’assunzione dietetica del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) con i dati storici di controllo del peso in retrospettiva, una risorsa sfruttata raramente all’interno di NHANES. Le analisi hanno utilizzato dati di cinque cicli NHANES e incluso un campione rappresentativo di 22.231 adulti americani, dei quali erano disponibili altezza e peso, nonché un richiamo dietetico valido a 24h.

Nel complesso, i risultati dello studio confermano l’ipotesi principale secondo la quale il perdere o mantenere il peso corporeo per un periodo di 12 mesi è associato a un più alto uso di LCS , indipendentemente del peso corporeo. In particolare, le analisi hanno dimostrato che chi ha cercato di perdere peso durante lo scorso anno aveva il 64% di possibilità in più di consumare qualsiasi tipo di prodotto LCS dopo aggiustamento per età, sesso e razza/etnia. È interessante notare che l’associazione tra tentativi di perdita di peso riferiti e l’uso di LCS è stata osservata per tutti i tipi di LCS (cibi e bevande): per le bevande LCS, probabilità del 72%, per gli edulcoranti da tavolo il 68%, e per gli alimenti LCS alimenti il 93%. Risultati simili sono stati ottenuti con la variabile “cercando di non ingrassare”.

Inoltre, l’uso di LCS era molto più comune tra gli individui che avvertito un cambiamento di peso significativo nei 10 anni precedenti rispetto a quelli che non lo hanno fatto. Ad esempio, chi perso 22,6 kg nei precedenti 10 anni aveva il 47% in più di possibilità di consumare due o più tipi di prodotti di LCS, mentre coloro che hanno preso 22,6 kg. aveva il 13% in più di probabilità di consumare due o più tipi di prodotti LCS rispetto agli individui che hanno preso 4,5 kg nei precedenti 10 anni. La constatazione che le passate fluttuazioni di peso sono un precursore di uso di LCS conforta l’ipotesi che persone disturbate da un aumento di peso possono consumare LCS come strategia per il controllo del peso.

Edulcoranti a basso contenuto calorico e obesità: Un caso di causalità inversa?

Paradossalmente, alcuni studi osservazionali hanno segnalato che l’uso regolare di LCS può portare a obesità e diabete5, 6, anche se i dati non sono stati sempre coerenti.7,8 In pratica, ci sono particolari difficoltà nell’interpretare questi tipi di studi, perché la loro impostazione non riesce a stabilire una relazione di causa ed effetto, e pertanto non può essere esclusa una causalità inversa. In particolare nel caso di dolcificanti a basso contenuto calorico (LCS), si presume che le persone che sono già in sovrappeso o obese, o a rischio di diabete sono più propense ad usare LCS e consumare cibi e bevande che li contengono per gestire il peso o i livelli di glucosio nel sangue.9

Pochi anni fa, nell’aprile 2014 , nella sua presentazione alla conferenza dell’Associazione Internazionale dei Dolcificanti, “Perché le calorie sono importanti”, che ha avuto luogo a Bruxelles, il professor Drewnowski ha suggerito che “se gli utenti di dolcificanti a basso contenuto calorico hanno più probabilità di essere in sovrappeso, non è perché utilizzano dolcificanti e per questo hanno problemi di peso, ma perché usano dolcificanti per perdere o gestire il loro peso. Questo è un esempio di causalità inversa”. 10

Questo nuovo studio di Drewnowski e Rehm fornisce la prima analisi del collegamento tra l’uso corrente di LCS, pregressa perdita di peso/desiderio di mantenimento e storia del peso di 10 anni, che può aiutare l’analisi della teoria della causalità inversa. È stata osservata una relazione fra uso di LCS e una più alta prevalenza di BMI e diabete, ma quei partecipanti che hanno riferito di cercare di perdere o di non riprendere peso nei 12 mesi precedenti erano molto più propensi a utilizzare anche LCS. Interessante da notare, il rapporto tra perdita di peso perdita/intento di mantenimento e attuale uso di LCS non era univoco per individui obesi ma mantenuto a tutti i livelli di BMI. Questo suggerirebbe che l’uso di LCS è direttamente collegato alla dieta, indipendentemente dal fatto se i partecipanti presentassero sovrappeso o obesità. Questa nuova scoperta conferma che si tratta di un caso di causalità inversa, che collega l’uso di LCS con il tentativo di perdere o mantenere il peso corporeo. Allo stesso modo, le persone con insorgenza di diabete di tipo 2 possono fare lo stesso e scegliere agli alimenti e bevande LCS, non solo nel tentativo di perdere/mantenere il peso, ma anche per evitare il consumo di zuccheri aggiunti e per meglio gestire il livello di glucosio nel sangue.

I vantaggi degli edulcoranti ipocalorici nella gestione del peso sono confermati

di sperimentazioni umane confermano che gli LCS non aumentano il peso o energia del corpo, e che l’uso di LCS può essere uno strumento utile nella gestione del peso.3 Recentemente, una meta-analisi pubblicata nel giornale internazionale di Obesity2 ha esaminato i risultati di oltre 100 esseri umani e animali in riferimento agli edulcoranti ipocalorici e la gestione del peso e scoperto che invertendo gli edulcoranti ipocalorici con zucchero si può avere una diminuzione in energia assunta e di peso corporeo, in bambini ed in adulti. Nel complesso, la nuova pubblicazione di Drewnowski e Rehm dimostra che si usano edulcoranti ipocalorici per ridurre le calorie e gestire più efficacemente il peso, con una ampia gamma di prove scientifiche che sostengono che questa strategia può essere un efficace strumento dietetico e che l’uso di LCS può in effetti aiutare nella perdita di pesoFornendo l’elemento dolce senza le calorie, le alternative zuccherate a basso contenuto calorico possono dare un contributo utile per una dieta sana con controllo delle calorie. Informazioni interessanti sul ruolo benefico degli edulcoranti ipocalorici nella gestione dell’obesità si trovano nell’opuscolo ISA cliccando qui.

Si può accedere alla pubblicazione originale di Drewnowski e Rehm qui .