Evidenza scientifica a sostegno delle linee guida: Il ruolo dei dolcificanti nella dieta e nella salute

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Risultati principali del Rapporto Scientifico del Comitato Consultivo per le Linee Guida Dietetiche 2020 negli Stati Uniti.

Sintesi:

  • La dieta tipica statunitense implica un consumo eccessivo di grassi, sodio e zuccheri aggiunti, mentre l’assunzione di frutta, verdura e cereali integrali è inferiore a quella consigliata.
  • Si dovrebbe ridurre l’assunzione di zuccheri aggiunti in eccesso prestando, però, attenzione anche alla qualità generale della dieta.
  • L’evidenza disponibile suggerisce che il consumo di bevande con dolcificanti con poche/senza calorie è associato a una riduzione dell’adiposità negli adulti, mentre un’evidenza limitata non indica nessuna associazione per i bambini.

Il rapporto scientifico preparato dagli esperti del Comitato Consultivo per le Linee Guida Dietetiche 20201 porrà le basi per la prossima edizione delle Linee guida dietetiche per gli americani 2020-2025 che mirano a contribuire ad affrontare le principali sfide di salute pubblica collegate al sovrappeso e all’obesità e le relative co-morbidità associate a diete inadeguate. La lotta all’obesità sta diventando sempre più urgente, sommata alla nuova comparsa del coronavirus, dal momento che si è visto che queste due importanti sfide sanitarie sono correlate tra loro. Il settanta per cento (70%) degli statunitensi soffre di sovrappeso o di obesità, e sempre più evidenza dimostra che l’eccesso di peso può aumentare il rischio di malattie gravi e di morte da COVID-19.2

Porre l’attenzione sui modelli dietetici: è l’intera dieta che conta di più

Una caratteristica importante del rapporto del Comitato per il 2020 è l’attenzione ai modelli dietetici. Le persone non assumono le sostanze nutritive isolatamente, ma piuttosto in una combinazione di alimenti e bevande con vari nutrienti e ingredienti che, nel complesso, è più probabile che influiscano sulla salute o sul rischio di malattie croniche rispetto a qualsiasi singolo alimento o ingrediente. La quantità, la frequenza e la combinazione di ciò che mangiamo e beviamo è ciò che definiamo modello dietetico.

Analizzando i dati relativi ai modelli dietetici degli statunitensi, il rapporto scientifico ha identificato un profilo coerente associato ai benefici per la salute, che si può descrivere nel seguente modo: una maggiore assunzione di verdura, frutta, legumi, cereali integrali, latticini magri o non grassi, carne magra e pollame, frutti di mare, frutta a guscio e oli vegetali insaturi, e un basso consumo di carni rosse e trasformate, cibi e bevande zuccherate e cereali raffinati. È dimostrato che un modello dietetico di alta qualità può aiutare a raggiungere l’adeguatezza dei nutrienti e l’equilibrio energetico, a promuovere la salute e a ridurre il rischio di condizioni croniche legate alla dieta come il sovrappeso e l’obesità, il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari, le malattie delle ossa, i tumori e i disturbi neurocognitivi.

L’assunzione di zuccheri aggiunti è superiore a quella raccomandata

I modelli di assunzione dei gruppi di alimenti non sono cambiati nell’ultimo decennio. Gli statunitensi superano le quantità raccomandate di grassi e zuccheri aggiunti per tutti i gruppi di età, mentre l’assunzione di frutta, verdura, latticini e cereali integrali è generalmente inferiore a quella consigliata. Il Comitato consultivo per le linee guida dietetiche 2020 ha riesaminato i dati relativi al consumo di zuccheri aggiunti e ha suggerito che la riduzione della quantità di zuccheri aggiunti nella dieta attraverso cambiamenti nel comportamento dei consumatori e/o nella produzione alimentare potrebbe contribuire ad una migliore salute della popolazione. Il Comitato conclude che meno del 6% dell’assunzione totale di energia da zuccheri aggiunti (contro il 10% raccomandato dalle attuali linee guida) è più in linea con un modello dietetico più sano.

Il ruolo delle bevande in un modello dietetico salutare

Le bevande hanno un ruolo importante nella nostra dieta, e ci aiutano soprattutto a soddisfare le nostre esigenze di idratazione. Anche una leggera disidratazione può portare ad una diminuzione delle capacità cognitive e fisiche. Al tempo stesso, sono sorti interrogativi sul fatto che alcuni tipi, quantità e frequenza del consumo di bevande possano contribuire al sovrappeso e all’obesità o ad altri problemi di salute. Pertanto, il Comitato ha esaminato i dati disponibili sui rapporti tra il consumo di bevande e la crescita, dimensioni, composizione corporea e rischio di sovrappeso e obesità per bambini e adulti. Tra le bevande esaminate, solo l’assunzione di bevande zuccherate è stata associata all’adiposità.

Per quanto riguarda le bevande con dolcificanti con poche/senza calorie, in seguito a una revisione sistematica dell’evidenza sul loro ruolo nei confronti dell’adiposità, il Comitato ha concluso che: “Un’evidenza limitata suggerisce che il consumo di LNCSB [bevande con dolcificanti con poche/senza calorie] è associato a una riduzione dell’adiposità negli adulti. Gli studi esaminati negli adulti e nei bambini non hanno fornito evidenza del fatto che l’LNCSB favorisca l’aumento di peso o l’adiposità.” La revisione ha incluso 17 studi di coorte prospettici per i bambini e 20 studi (6 studi randomizzati controllati e 14 studi di coorte prospettici) per gli adulti che rientravano nei criteri prestabiliti. Analizzando vari fattori, il Comitato raccomanda di considerare i dolcificanti con poche/senza calorie come un’opzione per la gestione del peso corporeo.

Messaggio da portare a casa

Dal momento che la dieta statunitense continua ad essere lontana da un modello dietetico sano, e i tassi di sovrappeso e obesità sono ancora a livelli preoccupanti, sono necessari degli strumenti dietetici che possano aiutare adulti e bambini a seguire una dieta di qualità superiore. Alla luce di ciò, i dolcificanti con poche/senza calorie come ingredienti approvati per alimenti e bevande con una sicurezza ben consolidata, possono recare benefici ai consumatori contribuendo a ridurre l’assunzione di zuccheri e calorie in eccesso e, quindi, hanno un ruolo utile nell’ambito di una dieta sana a livello globale.

Riferimenti

  1. Dietary Guidelines Advisory Committee. 2020. Scientific Report of the 2020 Dietary Guidelines Advisory Committee: Advisory Report to the Secretary of Agriculture and the Secretary of Health and Human Services. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service, Washington, DC.
  2. Public Health England (PHE). Excess weight and COVID-19: Insights from new evidence. Published July 2020. Available at: https://www.gov.uk/government/publications/excess-weight-and-covid-19-insights-from-new-evidence