Comprendere il ruolo del dolce nella dieta e nella salute

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Misurare il dolce della dieta totale nella ricerca futura contribuirebbe a far progredire le raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza

Sintesi

  • L’evidenza attuale non sostiene l’ipotesi che la riduzione dell’esposizione al gusto dolce possa ridurre il “desiderio di dolce” e, a sua volta, l’assunzione di zuccheri e calorie aggiunti.
  • In prospettiva, gli esperti auspicano un accordo su un approccio ottimale per misurare il dolce della dieta totale.
  • Se si sviluppassero delle misurazioni del dolce con il consenso di tutti, la nuova scienza potrebbe affrontare il ruolo del dolce nella dieta e nella salute per informare le raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza.

 

In una prospettiva pubblicata su Advances in Nutrition alla fine del 20201, undici ricercatori di nutrizione e scienze sensoriali hanno esaminato le misure esistenti del dolce negli alimenti e nelle bevande per comprendere meglio il ruolo del gusto dolce nella dieta e nella salute. La revisione fornisce una panoramica delle tecniche sensoriali disponibili e discute i recenti sforzi per misurare il dolce di diete intere attraverso paesi e culture. Un importante contributo alla ricerca futura è la proposta di una direzione futura per migliorare i metodi di misurazione del dolce nel tentativo di basare le raccomandazioni dietetiche intorno al dolce su una base scientifica rigorosa.

Dato che la riduzione degli zuccheri è un obiettivo chiave delle raccomandazioni nutrizionali in tutto il mondo, alcune organizzazioni raccomandano di ridurre il consumo di cibi e bevande dal sapore dolce, indipendentemente dalla fonte del dolce (ad es., con o senza calorie). Sebbene non vi siano prove a sostegno di questa raccomandazione, l’ipotesi di fondo è che una ridotta esposizione al dolce porterebbe a una riduzione delle preferenze per i cibi dal sapore dolce; a sua volta, la riduzione delle preferenze porterebbe a un minore apporto di zuccheri e, in ultima analisi, un consumo ridotto ridurrebbe l’apporto calorico e aiuterebbe la perdita di peso. Tuttavia, l’evidenza attuale, riassunta in una recente revisione sistematica, non sostiene i legami in questa presunta catena causale.2

Nella loro revisione sistematica dei dati pubblicati che esplorano l’impatto dell’esposizione dietetica al dolce sulla successiva preferenza e assunzione di cibi e bevande dolci nella dieta, Appleton et al non hanno trovato un sostegno coerente per una relazione tra l’esposizione al gusto dolce e le successive preferenze o l’assunzione di cibi dolci.2 Inoltre, una revisione della letteratura da parte di Public Health England ha raggiunto una conclusione simile nel 2015.3 Pertanto, manca l’evidenza a supporto dell’ipotesi che la dolcezza più bassa nella dieta porterebbe ad una diminuzione dell’apporto calorico e la perdita di peso.

Gli esperti che hanno contribuito a questa revisione hanno concluso che, per affrontare questioni di ricerca irrisolte riguardanti il dolce nella dieta e gli esiti sulla salute, è necessaria una misurazione del dolce generalmente concordata. Una misurazione efficace che rilevi il dolce di un’intera dieta o di un modello dietetico, non solo il dolce di alimenti specifici. Pur essendo impegnativo, alcuni ricercatori hanno già compiuto degli sforzi per sviluppare tali misurazioni. Attualmente, tre studi hanno sviluppato database del gusto che hanno misurato l’intensità del dolce degli alimenti e delle diete intere in quattro paesi: Australia, Francia, Paesi Bassi e Malesia.4-6 Questo metodo può contribuire a dare un importante contributo sul ruolo del dolce nella salute. Ad esempio, analizzando i modelli dietetici del gusto nei Paesi Bassi, si è scoperto che le persone di peso corporeo diverso (normale, sovrappeso e obesità) tendono ad avere un apporto calorico simile da cibi dolci.7

Gli esperti hanno raggiunto una conclusione in merito alle priorità della ricerca futura.1 Se si potesse sviluppare un consenso sull’approccio sensoriale per misurare il dolce dell’intera dieta in ambienti diversi dal laboratorio, i ricercatori potrebbero combinare i dati di diversi studi e analizzare scientificamente la validità delle raccomandazioni attualmente non comprovate che richiedono la riduzione del dolce e per affrontare con vigore le questioni di ricerca irrisolte riguardanti il ruolo del dolce nella dieta e nella salute. Ciò potrebbe aiutare a far progredire i consigli dietetici basati sull’evidenza.

Questa revisione è stata sostenuta da ILSI [International Life Sciences Institute] North America e, in parte, include informazioni condivise in un incontro, “Think Tank: Measuring Sweetness in Foods, Beverages and Diets (Laboratorio di idee: Misurazione del Dolce in Alimenti, Bevande e Diete)”, organizzato da ILSI North America, tenutosi il 12 dicembre 2019 a Washington, DC.

  1. Trumbo PR, Appleton KM, de Graaf K, Hayes JE, Baer DJ, Beauchamp GK, Dwyer JT, Fernstrom JD, Klurfeld DM, Mattes RD, Wise PM. Perspective: Measuring Sweetness in Foods, Beverages, and Diets: Toward Understanding the Role of Sweetness in Health. Advances in Nutrition 2020 Dec 3; nmaa151. doi: 1093/advances/nmaa151.
  2. Appleton KM, Tuorila H, Bertenshaw EJ, de Graaf C, Mela DJ. Sweet taste exposure and the subsequent acceptance and preference for sweet taste in the diet: systematic review of the published literature. Am J Clin Nutr 2018;107:405–19.
  3. Public Health England. Sugar reduction: the evidence for action. 2015. Available at: https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/470176/Annexe_5._Food_Supply.pdf
  4. Lease H, Hendrie GA, Poelman AAM, Delahunty C, Cox DN. A sensory-diet database: a tool to characterise the sensory qualities of diets. Food Qual Prefer 2016;49:20–32.
  5. Martin C, Visalli M, Lange C, Schlich P, Issanchou S. Creation of a food taste database using an in-home “taste” profilemethod. Food Qual Prefer 2014;36:70–80.
  6. Teo PS, van Langeveld AWB, Pol K, Siebelink E, de Graaf C, Martin C, Issanchou S, Yan SW, Mars M. Training of a Dutch and Malaysian sensory panel to assess intensities of basic tastes and fat sensation of commonly consumed foods. Food Qual Prefer 2018;65:49–59.
  7. van Langeveld AWB, Teo PS, de Vries JHM, Feskens EJM, de Graaf C, Mars M. Dietary taste patterns by sex and weight status in the Netherlands. Br J Nutr 2018;119:1195–206.