Alzatevi e partecipate

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Autore(i): Janette Marshall*

La maggiore attività fisica può non solo contribuire a controllare il peso e prevenire il diabete di tipo 2 (T2D) e altri problemi di salute cronici, ma può anche comportare enormi risparmi per i bilanci sanitari globali, secondo il Professor Greg Whyte dell’Istituto di ricerca per Sport & amp; Scienze motorie alla Liverpool John Moores University.

Incredibilmente, l’inattività fisica rappresenta circa il 16% di tutte le morti negli uomini e nelle donne, ha detto il Prof Whyte al Convegno Associazione Internazionale dolcificanti a Bruxelles la scorsa settimana (04/02/14).

Solo il 40% di uomini e il 30% delle donne nel Regno Unito rispettano le raccomandazioni minime internazionali per l’attività fisica, ha detto Whyte “ma quando le loro stime sono misurate obiettivamente da altri, solo il 5% delle persone raggiunge l’obiettivo.”

L’OMS raccomanda 30 minuti di attività moderata al giorno per gli adulti e un’ora per i bambini. “Questo arriva fino a 150 minuti alla settimana, ma può essere suddiviso in unità di 10 minuti,” ha detto il Prof Whyte, se che si adatta meglio al proprio stile di vita.

Anadare oltre i 150 minuti non dà molti risultati in più beneficio, “ma qualsiasi attività, non importa quanto piccola, è meglio che stare seduti.”

Il Prof Whyte ha criticato i governi per le spese proporzionalmente investite sull’educazione sanitaria sui benefici dell’attività fisica rispetto ai problemi di salute che interessano più piccoli numeri di persone con meno impatto economico sulla economia.

“L’attività attività fisica ha pochissimi finanziamenti, ma l’inattività comporta rischi pari a quelli del fumo e delle malattie cardiache.” La sua importanza quindi dovrebbe essere evidenziata dalla più tenera età. “Le pagelle scolastiche dovrebbero prevedere, accanto ai voti, i livelli di attività fisica,” ha suggerito Prof Whyte “così da vedere che essere fisicamente più attivi migliora le prestazioni scolastiche”.

“La ricerca mostra una curva di risposta dose all’essere attivi – più ci si allena e meno si rischia di sviluppare una malattia cronica. Contrasta anche la depressione e, a differenza di alcuni prodotti farmaceutici “magici”, non ha effetti collaterali.”

“per tutti i piccoli cambiamenti nell’attività fisica possono avere un grande impatto sulla riduzione del rischio di malattia, ad esempio: diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus, cancro al seno e del colon, alta pressione sanguigna, aumento di grassi nel sangue, sindrome metabolica e abuso di sostanze”.

Concentrandosi su una buona forma fisica e sui ridotti rischi per la salute, piuttosto che sulla taglia e il peso può essere un approccio migliore per le persone obese e in sovrappeso, ha detto il Prof Whyte. “Molte persone in sovrappeso o obese soffrono di depressione e isolamento sociale e l’attività fisica ha dimostrato di poter dare loro miglioramenti psicologici e sociologici”.

L’approccio migliore per essere più attivo è una combinazione di aerobica (camminare, nuoto e altre attività che portano alla mancanza di respiro) e allenamento di resistenza (pesi), che migliora l’assorbimento del glucosio nei muscoli, ha spiegato Prof Whyte.

“entrambi i tipi di attività aumentano i grassi bruciati e il peso metabolico,” ha spiegato Whyte. Sperimentazioni sul posto di lavoro di lavoro hanno indicato che quattro sessioni di camminata per 30 minuti a settimana per più di due mesi porta miglioramenti di salute in senso globale.”

E per l’obeso l’idea che è meglio essere grasso e in forma piuttosto che avere un peso normale ed essere fuori allenamento ha un fondo di verità. “Anche per gli obesi, con un BMI di oltre 35, due ore e mezzo ore di attività moderata a settimana aumentano l’aspettativa di vita più di quella di una persona con peso normale ma sedentaria,” ha detto Prof Whyte.” L’obiettivo per tutti è di identificare quale tipo di esercizio è più adatto e rispettarne la disciplina,”ha concluso.

*Janette Marshall, giornalista della nutrizione e della salute