Il sucralosio è sicuro, come confermato da una moltitudine di autorità di ricerca e di sicurezza alimentare in tutto il mondo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Dichiarazione ISA in risposta allo studio di Bornemann et al.

In risposta alle affermazioni di Bornemann et al. in uno studio di recente pubblicazione1 sul metabolismo del sucralosio in dosaggi ripetuti nell’intestino dei ratti e il suo potenziale accumulo nel tessuto adiposo degli stessi, l’Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) desidera sottolineare la mancanza di evidenza a supporto di qualsiasi preoccupazione sulla sicurezza del sucralosio. Di fatto, le opinioni scientifiche delle autorità di sicurezza alimentare di tutto il mondo, in linea con la moltitudine di ricerche disponibili, hanno chiaramente confermato che il sucralosio è sicuro .

Tutti i dolcificanti ipocalorici, compreso il sucralosio, devono passare attraverso una valutazione di sicurezza approfondita da parte delle autorità normative di tutto il mondo prima di essere approvati per l’immissione sul mercato. Oltre alla valutazione e conferma della sicurezza del sucralosio da parte del Comitato congiunto di esperti FAO/ OMS sugli additivi alimentari (JECFA), in un parere scientifico pubblicato nel 2017 l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha ulteriormente confermato che il sucralosio è sicuro ai livelli d’uso attuali2. Il sucralosio è stato valutato e ne è stato consentito l’uso da parte di molti organi normativi, compresi l’FDA degli USA, Health Canada, il Ministero per la Sanità Giapponese e gli Standard per il benessere e gli alimenti dell’Australia e della Nuova Zelanda. Il consenso a livello scientifico e normativo globale indica che il sucralosio è sicuro.

Per contro, l’attuale esperimento sui ratti di Bornemann et al., che ha studiato il metabolismo del sucralosio in un campione ridotto di 10 ratti, non ha portato ad un cambiamento nel profilo di sicurezza del sucralosio, dal momento che studi su tutta la durata della vita nella medesima specie hanno dimostrato l’assenza di effetti a dosaggi estremamente elevati. Il presente studio di Bornemann et al. non ha fornito alcuna evidenza del fatto che il sucralosio rappresenti un problema per la sicurezza.

Di fatto, le scoperte dello studio sono anche in contrasto con un grande corpus di studi approfonditi sul metabolismo condotti su varie specie animali e sugli esseri umani, che hanno dimostrato un bassissimo livello di assorbimento di sucralosio nel tratto gastrointestinale. Non esiste evidenza di metabolismo da parte del microbioma intestinale, sulla base di questo studio recente o di ricerche preliminari. Non sono stati trovati metaboliti di sucralosio nelle feci e gran parte del sucralosio ingerito viene espulso inalterato nelle feci.3,4 Inoltre, gli studi che utilizzano sucralosio radiomarcato, sia in esseri umani che in animali, hanno dimostrato che il sucralosio assorbito ha un metabolismo minimo e tutto quello radiomarcato viene rapidamente espulso dal corpo, a sostegno di un’assenza di potenziale di bioaccumulo .

Utilizzato in alimenti, bibite e dolcificanti da tavola, i dolcificanti ipocalorici come il sucralosio possono offrire alle persone una vasta scelta di opzioni dolci con poche o senza calorie, per cui possono essere uno strumento utile, quando si utilizzano al posto dello zucchero e nell’ambito di una dieta equilibrata, per aiutare a ridurre l’assunzione globale di zucchero e calorie, nonché per gestire i livelli di glucosio nel sangue. I dolcificanti ipocalorici, inoltre, non sono cariogeni, il che significa che non contribuiscono alla formazione della carie dei denti.

  1. Bornemann et al.. Intestinal Metabolism and Bioaccumulation of Sucralose In Adipose Tissue In The Rat. Journal of Toxicology and Environmental Health, Part A. https://doi.org/10.1080/15287394.2018.1502560
  2. EFSA scientific opinion on sucralose. Available online: http://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/4784
  3. Magnuson BA, Caracostas MC, Moore NH, Poulos SP, and Renwick AG. Biological fate of low calorie sweeteners. Nutrition Reviews 2016; 74 (11): 670-689
  4. Magnuson BA, Roberts A, Nestmann ER. Critical Review of the Current Literature on the Safety of Sucralose. Food and Chemical Toxicology, 2017 Aug;106(Pt A):324-355. doi: 10.1016/j.fct.2017.05.047. Epub 2017 May 27