Informazioni utili


Author(s): ISA | Posted: 01 ottobre 2016
faqs

Risposte alle vostre domande

Argomento ampiamente discusso, gli edulcoranti ipocalorici sono oggetto molte domande, ipotesi, incomprensioni e speculazioni. Come tale, questa sezione affronta le domande che vengono poste spesso sugli edulcoranti a basso contenuto calorico:

  • Dolcezza
  • Cibi e bevande
  • Salute dentale
  • Controllo del peso
  • Diabete
  • Sicurezza

È il piacere o il piacere che deriva dal cibo che ha un sapore dolce. Il desiderio per il piacere della dolcezza ha una forte influenza su ciò che si sceglie di mangiare e bere.

Nel corso della storia si sono sempre cercati alimenti dal sapore dolce. Ad esempio, disegni sulle pareti delle tombe egizie mostrano apicoltori che raccolgono miele, e lo zucchero di canna è stato coltivato in India circa 2000 anni fa.

Oggi, il saccarosio , o zucchero da tavola, è il gusto standard su cui sono misurati tutti gli altri dolcificanti. Alcuni dolcificanti, come lo zucchero, contengono calorie. E alcuni sono a basso contenuto calorico o privi di calorie.

Le persone preferiscono alimenti e bevande che sapore dolce. E tendono ad evitare il gusto amaro.

Questa preferenza per la dolcezza comincia alla nascita. L'uomo primitivo si affidava a questa preferenza innata per la sopravvivenza: dolce frutta, bacche e verdure tendono ad essere sicuri da mangiare, e a volte alimenti amari sono pericolosi da mangiare.

Il naturale desiderio di dolcezza e le abitudini di consumo che provengono dalla nostra cultura ed esperienza, influenzano ciò che la gente sceglie di mangiare e bere per tutta la vita.

I cibi dolci forniscono piacere e aiutano anche a migliorare l'accettazione del cibo e la appetibilità. Con l'abbondanza di cibo a prezzi abbordabili in molte parti del mondo, spesso si mangia troppo cibo e quindi si possono consumare troppe calorie.

Per fortuna, ci sono diversi modi in cui i cibi dolci possono essere inseriti in una dieta bilanciata in calorie e sana. L’uso di dolcificanti a basso contenuto calorico è un modo per avere il piacere della dolcezza senza troppe calorie.

Una dieta sana fornisce tutti i nutrienti essenziali di cui il corpo ha bisogno per promuovere e sostenere una vita attiva e sana e ridurre il rischio di malattie croniche quali la malattia coronarica, il diabete o il cancro.

Una dieta sana comprende una varietà di cibi: cereali e granaglie; frutta e verdura; alimenti ricchi di proteine come carne, pesce, pollame, uova, noci e verdure; latte e altri prodotti lattiero-caseari come formaggio o yogurt; e piccole quantità di oli e grassi. Una dieta che comprenda quantità moderate di alimenti dolci aggiunge valore positivo all'esperienza culinaria migliorando gusto e appetibilità.

Gli edulcoranti ipocalorici forniscono un sapore dolce senza calorie. La maggior parte gli edulcoranti ipocalorici non sono digeribili dall'organismo e non forniscono calorie. Un'eccezione è l'aspartame, che è metabolizzato naturalmente. Ma dal momento che l'aspartame è circa 200 volte più dolce del saccarosio, solo una piccola quantità di aspartame (1/10 di una chilocaloria) è necessaria per eguagliare la dolcezza di un cucchiaino di zucchero (16 chilocalorie).

Gli dulcoranti ipocalorici sono anche chiamati:

  • "dolcificanti non nutritivi"
  • "edulcoranti intensi"
  • "edulcoranti ad alta intensità"
  • "edulcoranti ad alta potenza"
  • "edulcoranti alternativi"

Gli edulcoranti ipocalorici forniscono ai consumatori piacevoli scelte con un numero di calorie ragionevole. Gli educloranti a Basso contenuto calorico danno ai consumatori attenti al peso e attenti al contenuto calorico, prodotti che soddisfano il loro desiderio per il dolce senza calorie in eccesso.

Gli edulcoranti ipocalorici hanno dimostrato di svolgere un ruolo utile nell'aiutare le persone a perdere e mantenere il peso come parte di uno stile di vita sano. Prevenire l'obesità è un fattore importante nella riduzione del rischio di diabete di tipo 2 o diabete non insulino-dipendente (NIDDM).

Gli edulcoranti ipocalorici sono anche utili nella gestione di e la riduzione della carie dentale (carie). Poiché gli edulcoranti ipocalorici non possono essere utilizzati dai batteri orali che causano la carie dentaria, i cibi e bevande zuccherate con edulcoranti a basso contenuto calorico promuovono la salute dentale.

Gli edulcoranti ipocalorici sono utilizzati anche in prodotti per l'igiene orale, per lo stesso motivo.

La grande varietà di prodotti leggeri e a calorie ridotte a disposizione dei consumatori non sarebbe possibile senza i dolcificanti a basso contenuto calorico.

I consumatori attenti al contenuto calorico possono assaporare il dolce da:

  • Bibite e dolcificanti da tavola (la più grande applicazione degli edulcoranti ipocalorici)
  • Prodotti lattiero-caseari come lo yogurt e gelato
  • Dolci
  • gomme da masticare
  • Condimenti, tra cui condimenti per insalata, senape e salsa
  • Dolci e molti altri prodotti, compresi prodotti farmaceutici masticabili multi-vitamine e dietetici

Gli edulcoranti per uso individuale a casa sono chiamati edulcoranti da tavola. Sono disponibili in quattro diverse forme:

  • Compresse dolcificanti
  • Liquidi
  • Liquidi atomizzato granulati (cosiddetto “spoon-for_spoon)-per-cucchiaio)
  • Concentrato in polvere in bustine

Una compressa o bustina di dolcificante a basso contenuto calorico normalmente corrisponde ad un cucchiaino/zolletta di zucchero. Due o tre gocce di un liquido dolcificante a basso contenuto calorico corrispondono a un cucchiaino di zucchero. E un cucchiaio di dolcificante ipocalorico granulato fornisce in genere tanta dolcezza quanto quella contenuta in un cucchiaio di zucchero.

Il granulato dolcificante è una speciale variante che dimostra la versatilità delle alternative dolce. Grazie alla loro natura sciolta, fine, in granelli, gli edulcoranti ipocalorici granulati sono particolarmente adatti per dolcificare cereali, frutta e dessert e possono essere utilizzati anche in cucina e in pasticceria. Il loro contenuto energetico è fino al 90 per cento inferiore allo zucchero.

In confetture e marmellate, i dolcificanti a basso contenuto calorico non hanno l'effetto conservatore dello zucchero: i prodotti a ridotto contenuto calorico devono essere conservati in frigorifero una volta aperti. D'altra parte, tuttavia, i dolcificanti impediscono la fermentazione indesiderata, spesso causata da zucchero in marinate e nei condimenti.

Ogni dolcificante ha un proprio gusto unico, profili e caratteristiche tecnici unici. I dolcificanti possono essere utilizzati da soli o in combinazione tra di loro. Con così tanti edulcoranti ipocalorici disponibili, è possibile selezionare un dolcificante, o una combinazione di essi, perché siano più adatti ad un particolare prodotto o ad un gusto particolare nel caso di dolcificanti definiti da tavola.

La carie dentale è la deplezione (demineralizzazione) dello smalto dentario dagli acidi della bocca. L'acido è prodotto dai batteri orali che fermentano i carboidrati (zuccheri e amidi). Se si pratica una buona igiene dentale (mantenere l'igiene orale, una dieta sana), la saliva neutralizza l'acido e ripara lo smalto del dente

Il decadimento del dente si verifica solo se il processo di ripristino non tiene il passo del processo di demineralizzazione.

Studi scientifici suggeriscono che il fluoro è l'aiuto più importante per prevenire la carie dentale. Aumenta la resistenza dello smalto dei denti e aiuta a velocizzare la riparazione. L'aggiunta di fluoro nelle condutture dell’acqua pubblica e collutori contenenti fluoruro hanno notevolmente ridotto l'incidenza di carie nei paesi industrializzati.

aiutano a prevenire la carie dentale perché non sono fermentabili dai batteri orali. Non producono nessun acido e non possono promuovere deperimento dentale.

Poiché gli edulcoranti ipocalorici non possono essere fermentati dai batteri orali e non producono acidi che erodono lo smalto dei denti, non possono causare deperimento dentale.

Inoltre, ricerche di laboratorio hanno mostrato che alcuni edulcoranti ipocalorici inibiscono direttamente la carie interferendo con il metabolismo dei carboidrati da parte dei batteri orali; possono limitare la crescita dei batteri orali che causano deperimento o ridurre la quantità di acido che i batteri producono. Così, cibi e bevande contenenti questi dolcificanti a basso contenuto calorico aiutano la dentale salute.

Sì, gli edulcoranti ipocalorici non causano la carie. Migliorando l'appetibilità, incoraggiano l'uso di dentifrici, collutori e integratori al fluoro che aiutano la dentale salute.

Pesare troppo può aumentare il rischio di sviluppare l'ipertensione (pressione sanguigna alta), diabete, malattie coronariche e alcuni tipi di cancro e malattie della cistifellea.

Una perdita di peso modesta può:

  • Abbassare la pressione sanguigna
  • Migliorare il controllo della glicemia
  • Ridurre i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi

Ci si sente bene quando si controlla il peso. Si ha più fiducia, autostima e un senso di benessere.

Un apporto calorico ridotto, unito ad un aumento di esercizio fisico è essenziale per la perdita di peso. Nella gestione delle calorie complessive, i dolcificanti a basso contenuto calorico possono giocare un ruolo importante. Essi forniscono un'ampia varietà di cibi e bevande con ottimo gusto e basso contenuto calorico.

Per perdere peso, una persona deve mangiare meno calorie rispetto a quelle bruciate. Gli edulcoranti ipocalorici riducono l’assunzione di calorie.

Sostituiendo 4 cucchiaini di zucchero al giorno con un dolcificante a basso contenuto calorico, in tè e caffè, per esempio, risparmia una media di energia annua pari a 3 kg. di tessuto grasso.

Studi hanno dimostrato che una piccola riduzione del peso corporeo può ridurre sostanzialmente il rischio di diabete di tipo 2 , malattie coronariche e il cancro.

Gli edulcoranti ipocalorici aiutano davvero nel controllo del peso. Non stimolano l'appetito o fame.

Numerosi studi hanno dimostrato che sostituendo lo zucchero con dolcificanti a basso contenuto calorico porta ad una diminuzione o ad una invariata sensazione di fame a breve termine (da pasto a pasto). La fame a breve termine è fortemente influenzata dal volume e dalla fibra: bere liquidi non calorici o a ridotto contenuto calorico e mangiare cibi ricchi di fibre è il modo migliore per ridurre la fame tra i pasti.

Scientizati di fama internazionale, tra cui Andrew Renwick, pH.d., Università di Southampton e Barbara Rolls, pH.d., Pennsylvania State University, hanno scritto una recensione su tutti i dati di ricerca disponibili sui dolcificanti a basso contenuto calorico , l'appetito e la fame. Concludono che i dolcificanti non promuovono la fame e in realtà portano ad una riduzione dell’energia assunta.

Adam Drewnowski, pH.d., Università del Michigan (Nutrition Reviews), ha analizzato numerosi studi che hanno esaminato questo punto e ha riferito che non ci sono prove che l'aggiunta di sapore dolce sia uno stimolo alla fame o al desiderio di mangiare. E anche se gli edulcoranti ipocalorici non sono soppressori dell'appetito, la loro capacità di aumentare l'appetibilità degli alimenti a basso contenuto calorico può effettivamente promuovere la capacità di una persona di attenersi a una dieta a basso contenuto calorico.

Una serie di studi, compresi quelli di Drewnowski et al., Raben et al., mostrano che l'uso di dolcificanti a basso contenuto calorico contribuisce al controllo del peso.

L'evidenza dimostra che le calorie salvate utilizzando edulcoranti a basso contenuto calorico ad un pasto non inducono maggiore assunzione di cibo al pasto successivo. Naturalmente, una persona che desideri dimagrire deve fare uno sforzo cosciente per ottenere un risultato duraturo.

La crescente disponibilità alimenti e bevande di ottimo sapore a basso contenuto calorico rendono possibile mangiare in modo sano, ora più che mai. E con un'ampia scelta di cibo, c'è una migliore possibilità che una dieta sia soddisfacente e di successo sul lungo termine.

Risultati di uno studio clinico di Blackburn et al. (Beth Israel Deaconess Medical Centre, Harvard Medical School) suggeriscono che il basso contenuto calorico degli edulcoranti (aspartame) può facilitare il mantenimento a lungo termine del peso corporeo utilizzati come parte di un programma di controllo del peso multidisciplinare che comprende dieta, esercizio fisico e modifiche comportamentali.

Maggiori quantità di dolcificanti hanno anche portato ad una maggiore quantità di perdita di peso durante il programma di perdita di peso. Gli edulcoranti ipocalorici possono aiutare la gestione del peso a lungo termine soddisfacendo il desiderio di dolcezza e controllando l'appetito senza eccessivo consumo di saccarosio e/o grasso. Essi possono hanno anche ridurre il desiderio di dolci semplicemente fornendo una sensazione di dolce soddisfazione.

Il diabete è una malattia metabolica che deriva dall'incapacità del corpo di utilizzare l'insulina. L’insulina veicola lo zucchero nel sangue nelle cellule dove viene convertita in energia per la vita. Alle persone con diebete viene chiesto di seguire una dieta equilibrata "normale" e bilanciata, ricca di carboidrati, comprese moderate quantità di zucchero. Ma poiché una parte importante della gestione del diabete è quello di mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro limiti sani, gli edulcoranti ipocalorici aiutano fornendo sapore dolce senza aumentare i livelli di glicemia.

Quando persone in sovrappeso o obese affette da diabete perdono anche piccole quantità di peso, migliorano la glicemia.

riducendo l'apporto calorico, gli edulcoranti ipocalorici aiutano nella gestione del peso e nel controllo del diabete.

C’è largo consenso tra i sanitari che gli edulcoranti ipocalorici sono sicuri da usare in persone che hanno diabete, poiché non interessano i livelli di zucchero nel sangue o i livelli di insulina. Questo significa che gli edulcoranti ipocalorici danno ai diabetici più ampie scelte di cibo consentendo loro di godere di cibi e bevande dolci.

Numerosi studi hanno indicato coerentemente che gli edulcoranti ipocalorici non influiscono sulla glicemia o sui livelli di insulina.

Il loro effetto sui livelli di secrezione di insulina e sui livelli degli zuccheri nel sangue è stato studiato da Brigitte Härtel et al. , European Society August Bier per Ecology and Medicina, Università di Hannover, Germania. L’obiettivo di questo studio era di scoprire se gli edulcoranti (in generale) hanno un impatto sulle risposte cefaliche e sui livelli di insulina e glicemia.

Lo studio ha mostrato che "soluzioni con dolcificanti non causano alcuna secrezione di insulina cefalica, non hanno alcun impatto sui livelli di glucosio e non forniscono alcuna prova di un meccanismo di fame basato su uno stimolo da edulcoranti".

forniscono alle persone che soffrono di diabete con un'ampia varietà di buoni degustazioni cibi e bevande. Una dieta più varia e più appetitosa rende più facile rispettare le linee guida dietetiche che migliorano il controllo dello zucchero nel sangue, l'alimentazione e la salute. Le persone che soffrono di diabete possono sentirsi isolate e alienati perché in qualche modo il loro stile di vita è diverso da quello delle altre persone. Essere in grado di avere alimenti "normali" migliora la qualità della vita. Questo è particolarmente utile per i bambini che vogliono essere uguali ai loro amici.

Tutti i dolcificanti approvati sono sicuri da usare. Sicurezza è la preoccupazione numero una dei produttori di dolcificanti, cibi bevande a basso contenuto calorico, per gli organismi di regolamentazione e per i consumatori. Un dolcificante di recente scoperta passa attraverso anni di ricerca e sviluppo per garantire che sia sicuro.

Prima che un dolcificante arrivi sul mercato e sia disponibile per i consumatori, si deve ottenere l'approvazione delle autorità di regolamentazione (governi). Nel dare l'approvazione, tali autorità si basano sulle valutazioni di sicurezza di organismi consultivi scientifici indipendenti come:

  • EFSA, in precedenza Commissione Scientifica Europea per l’Alimentazione (SCF)
  • la United States Food and Drug Association (FDA)
  • Comitato Congiunto FAO / OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA)

Gli esperti indipendenti che lavorano in questi organi consultivi esaminano e valutano i dati sul dolcificante e i suoi usi per validarne la sicurezza.

Gli studi di sicurezza possono durare da sette a quindici anni, e il processo di regolamentazione può richiedere altri quattro/ sette anni.

La Dose Giornaliera Accettabile (DGA), espressa sulla base del peso corporeo, è la quantità di dolcificante e qualsiasi altro additivo alimentare che può essere consumato in modo sicuro su una base quotidiana nel corso della vita di una persona. Il concetto è stato sviluppato dal comitato congiunto FAO / OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) e fu successivamente avallato dal comitato scientifico dell'alimentazione umana (SCF) della Commissione europea, ora EFSA.

Il JECFA definisce i livelli di DGA come: "Una stima della quantità di un additivo alimentare, espressa in base al peso corporeo che può essere ingerita giornalmente per tutta la vita senza rischi apprezzabili per la salute."

La DGA è in realtà un livello di assunzione sicura. Se un individuo occasionalmente supera la DGA, questo non ha alcuna conseguenza se bilanciato da periodi quando la DGA non è consumata. Gli individui che con insistenza superano la DGA hanno un più basso, ma comunque adeguato margine di sicurezza. Ad esempio, qualcuno che costantemente ha consumato due volte l'ADI beneficia comunque di un margine di sicurezza 50, invece che di 100. Pertanto la DGA dovrebbe essere considerata come un punto di riferimento funzionale per valutare l'esposizione e perché i regolatori stabiliscano i livelli di utilizzo consentito di additivi nel cibo.

I dolcificanti come quelli usati oggi in cibi e bevande sono sicuri. Quando si approva un dolcificante per uso in alimenti e bevande, il regolatore prende in considerazione l'assunzione complessiva stimata, come pure la DGA, che include un fattore di sicurezza tipica di 100.

Questo significa che anche se si consumano occasionalmente dolcificanti in quantità superiore alla DGA, si è ancora in termini di sicurrezza, perché la DGA esprime la quantità che una persona può assumere ogni giorno durante tutta la vita. Per assicurarsi che i livelli di assunzione non superino il livello accettabile, dai governi e dalle industrie sono condotti studi di consumo.

Questi studi hanno dimostrato che i consumatori generalmente non superano la DGA. Tuttavia, superare la DGA occasionalmente non presenta nessuna problema di salute.

L’approvazione regolamentare differisce da paese a paese. Ma l'obiettivo della "sicurezza" è lo stesso in tutti i paesi. Per raggiungere questo obiettivo, i governi usano le valutazioni disicurezza dei propri organi consultivi scientifici o quelle del comitato FAO / OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA).

ad esempio, la Commissione europea si avvale della consulenza dell’EFSA - in precedenza il comitato scientifico dell'alimentazione umana (SCF) - e gli Stati Uniti si basa su la US Food and Drug Administration (FDA).

L’approvazione è l’autorizzazione delle autorità di regolamentazione per uno specifico dolcificante a basse/nulle calorie all’utilizzo umano come edulcorante da tavola o ingrediente in alimenti specifici alle quantità massime specificate. L'approvazione deve essere ottenuta prima che un dolcificante possa essere venduto per uso in alimenti o bevande.

L’approvazione è concessa sulla base di valutazioni sulla sicurezza e sulla prova della necessità tecnologica. È concessa solo quando regolatori sono soddisfatti che il prodotto è sicuro. I regolatori stabiliscono anche i livelli di dose giornaliera accettabile (DGA). Gli edulcoranti ipocalorici sono gli additivi in uso più controllati.

Ad esempio, la direttiva europea sui dolcificanti (94/35/CE), un regolamento adottato nel 1994 dal Consiglio europeo e dal Parlamento e ora applicata in tutti i Stati membri dell'Unione europea (UE), identifica i dolcificanti che sono approvati per l'uso nell'UE, i prodotti alimentari in cui possono essere utilizzati e il loro massimo livello di utilizzo. Ai fini dell’autorizzazione, gli additivi alimentari tra cui i dolcificanti ipocalorici devono avere uno scopo utile ed essre sicuri.